SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
22/07/2016, 16:34

cannella, alimentazione, benefici, salute,



Una-spezia-orientale-migliora-l’apprendimento-stimolando-il-cervello-


 C’è chi la mette nel cappuccino al posto del cacao, chi la spruzza sui dolci al posto dello zucchero..



C’è chi la mette nel cappuccino al posto del cacao, chi la spruzza sui dolci al posto dello zucchero a velo o, a dicembre, la dissemina per casa perché il suo aroma" fa tanto Natale". Ma nascoste fra i riccioli dei bastoncini di cannella ci sarebbero anche virtù neurologiche utili a chi ha bisogno di migliorare la memoria e le performance cognitive. 
A rivelare le doti di una delle spezie più utilizzate in cucina è uno studio condotto su modelli animali dai neuroscienziati del Rush University Medical Center di Chicago e pubblicato sul Journal of Neuroimmune Pharmacology.
Secondo i ricercatori statunitensi l’assunzione di cannella riuscirebbe ad influenzare positivamente i processi biochimici, cellulari e anatomici che caratterizzano il cervello (in questo caso dei topi) con ridotta capacità di apprendimento (poor learner). Un fenomeno indotto da un metabolita della spezia: il sodio benzoato (NaB).
«Sulle cavie ci siamo riusciti con successo», ammette il coordinatore della ricerca Kalipada Pahan, convinto che «se questi risultati venissero replicati anche negli studenti con le stesse caratteristiche, ciò costituirebbe un notevole passo avanti». Non prima però, precisa lo studioso, di effettuare ulteriori test sui cosiddetti "poor learner". Secondo le indagini dei ricercatori tutto si gioca nell’ippocampo, una piccola regione del cervello capace di generare, organizzare e immagazzinare i ricordi. Gli scienziati hanno infatti scoperto che l’ippocampo dei poor learner, rispetto a quello dei roditori con buona capacità di apprendimento (good learner), presenta una concentrazione più bassa di CREB (proteina coinvolta nella memoria e nell’apprendimento) e più subunità alfa-5 di recettori GABRA (GABRA5), proteine ad azione inibitoria.
I topi poor learner arruolati che hanno ricevuto cannella in polvere, successivamente trasformata nell’organismo in NaB, hanno registrato un aumento dei livelli di CREB, una riduzione di GABRA5 e una maggiore plasticità dei neuroni dell’ippocampo. In pratica negli animali meno dotati sono migliorati memoria e apprendimento, misurati prima e dopo l’esperimento con un test ad hoc. Gli stessi effetti non si sono invece registrati nei topi good learner.
In ricerche precedenti, il gruppo di Pahan aveva osservato che la spezia può invertire le mutazioni tipiche del cervello di topi malati di Parkinson. Grazie a questi studi i neuroscienziati di Chicago sono diventati autentici intenditori di spezie: usando la spettrometria di massa hanno analizzato il destino metabolico dei due principali tipi di cannella diffusi negli Usa (la cannella cinese e quella di Ceylon) scoprendo che, benché entrambi vengano metabolizzati in sodio benzoato, la cannella di Ceylon è molto più pura della cinese che contiene cumarina, una molecola vegetale epatotossica».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!