SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
15/07/2016, 20:01

bambini, obesit, dormire, ore sonno, alimentazione,



Si-allontana-il-rischio-di-obesità-nei-bambini-che-vanno-a-letto-presto-


 I bambini in età prescolare che vanno regolarmente a letto presto hanno un rischio più basso di diventare adolescenti obesi



I bambini in età prescolare che vanno regolarmente a letto presto hanno un rischio più basso di diventare adolescenti obesi rispetto ai coetanei che si ritirano tardi la sera. Ma è sufficiente anche un’ora di sonno in meno per annullare l’effetto benefico del sonno e raddoppiare la probabilità di diventare un adulto "oversize". A sostenerlo è uno studio dell’Ohio State University di Columbus in pubblicazione su The Journal of Pediatrics.
La nuova ricerca ha esaminato i dati relativi a 977 bambini di circa 4 anni e mezzo che avevano preso parte allo Study of early child care and youth development, che comprendeva bambini sani nati in 10 aree degli Stati Uniti nel 1991. 
I ricercatori americani hanno diviso i piccoli in tre categorie: chi andava a letto alle 20 o prima, chi fra le 20 e le 21 e chi dormiva solo dopo le 21. I ricercatori hanno poi messo in collegamento gli orari di della "ritirata" in età prescolare con i tassi di obesità quando i bambini erano adolescenti con un’età mediana di 15 anni. Dall’analisi dei dati è così emersa una notevole differenza: solo un bambino su 10 tra coloro che andavano a letto prima è risultato obeso, rispetto al 16% dei bimbi nella fascia media e al 23% di quelli che dormivano più tardi. Considerando che la metà dei bambini nello studio è risultato appartenere alla categoria di mezzo, «i risultati possono essere utili a molti genitori, rafforzando l’importanza di stabilire una routine nell’andare a dormire», avverte l’epidemiologa Sarah Anderson, autrice principale dello studio. «Mandare un bambino a letto presto non garantisce che cadrà subito in un sonno profondo, ma stabilire una routine rende più probabile che avrà la quantità di sonno di cui ha bisogno per stare bene e avere un peso corporeo più salutare da adulto. Una raccomandazione, suggerisce l’esperta, che tutti i pediatri di famiglia dovrebbero rafforzare nei genitori dei bambini.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!