SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
15/07/2016, 19:49

ospedali, malattie, cure, ThatMorning, motori di ricerca,



Malattie-da-curare,-una-piattaforma-online-per-scegliere-i-migliori-ospedali-


 ThatMorning, la più grande piattaforma italiana dedicata alla valutazione del grado di specializzazione delle strutture sanitarie, che ...



Affidarsi ai "Big data" per trovare l’ospedale più attrezzato a curare ogni malattia. È il servizio offerto da ThatMorning, la più grande piattaforma italiana dedicata alla valutazione del grado di specializzazione delle strutture sanitarie, che grazie a un motore di ricerca molto potente aiuta chi ha un problema di salute ad orientarsi nell’offerta di centri nazionali. La versione estesa debutta online: 10 mila patologie inserite in un motore di ricerca che, sulla base delle "pagelle" attribuite a 1200 ospedali e 8500 reparti italiani, compilate con l’aiuto di 370 camici bianchi di 40 specialità mediche e chirurgiche diverse, indica il luogo dove al paziente converrebbe dirigersi.
Concepito e sviluppato da una start up milanese composta da un gruppo di imprenditori con alle spalle solide esperienze come tecnici e consulenti nel settore healthcare, ThatMorning sfrutta appunto le potenzialità dei Big data per la raccolta di ingenti quantità di informazioni che vengono incrociate con le indicazioni del network di medici (ospedalieri, di medicina generale, specialisti e professori universitari).
«I Big data - spiega Danilo Minelli, presidente di ThatMorning Srl - mettono a disposizione la materia prima informativa, mentre la rete di medici coinvolti fornisce la "ricetta" sull’utilizzo dei dati. In questo modo abbiamo avuto la possibilità di valutare ospedali e reparti che operano sul territorio nazionale».
Il network scientifico di ThatMorning è stato coinvolto nella definizione delle regole alla base delle valutazioni, del tutto oggettive assicurano gli esperti, grazie a un algoritmo sviluppato dalla start up.
«Fra i parametri utilizzati per determinare il grado di specializzazione di una struttura - precisa Minelli - rientrano il numero di prestazioni erogate, le tecnologie e le strumentazioni impiegate, il profilo professionale del personale (pubblicazioni scientifiche, trial, sperimentazioni), la completezza dell’offerta, gli esiti degli interventi e i bilanci economici. Gli utenti di ThatMorning hanno, inoltre, la possibilità di intervenire attivamente sul sito per esprimere le loro opinioni e riportare le proprie esperienze, ma teniamo a sottolineare che queste non incidono in alcun modo sul nostro algoritmo di valutazione». Grazie al motore di ricerca di ThatMorning gli ospedali potranno essere individuati dagli utenti non solo tramite nome e località, ma anche indicando la propria patologia fra le 10 mila contemplate. Un modo per essere certi di potersi indirizzare verso la struttura con la specializzazione più elevata per la cura della propria malattia a prescindere dalla vicinanza sul territorio, e compiere così una scelta ancor più consapevole.
Il sito ThatMorning comprende, infine, due sezioni pensate da un lato per offrire agli utenti un ulteriore strumento pratico, dall’altro per ovviare alla solitudine e alla disinformazione che spesso colpiscono chi vive un’esperienza di malattia. Ogni utente potrà, infatti, redigere giorno dopo giorno un diario, personale e strettamente riservato, per tener traccia della propria storia clinica e archiviare documenti sanitari. Vi è poi la possibilità di consultare l’area "Storie", dove sono riportate esperienze di pazienti che stanno affrontando o hanno affrontato diverse malattie: da patologie croniche come il diabete al tumore, dai disturbi del sonno a quelli alimentari.
«L’obiettivo - conclude Minelli - non è solo quello di far trovare ai pazienti in Rete un supporto psicologico per sentirsi meno soli attraverso la condivisione, ma anche di ricavare, attraverso l’esperienza di altre persone, spunti e suggerimenti concreti per affrontare problemi di ordine pratico: dove curarsi, quali piccole strategie quotidiane mettere in atto per incrementare il proprio benessere, a quali associazioni rivolgersi sono solo alcuni esempi. Non a caso il progetto "Storie" ha raccolto l’adesione anche di diverse associazioni di pazienti, che hanno contribuito attivamente alla costruzione di questa sezione».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!