SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
24/06/2016, 13:49

infarto, test, analisi sangue, rischio, IgG, colesterolo, pressione arteriosa,



Immunologia,-test-del-sangue-svela-il-rischio-di-essere-colpiti-da-infarto-entro-5-anni


 Un semplice test del sangue è in grado di svelare quante probabilità ci sono di subire un infarto al cuore entro 5 anni.



Un semplice test del sangue è in grado di svelare, secondo gli scienziati che lo hanno messo a punto, quante probabilità ci sono di subire un infarto al cuore entro 5 anni. A scoprirlo è stato un team di ricercatori dell’Imperial College e dell’University College di Londra, che ha osservato come alti livelli di un tipo di anticorpi siano collegati a un basso rischio di sviluppare problemi di cuore, indipendentemente da altri fattori di rischio.
Il nuovo test misura proprio questo: la presenza di anticorpi IgG (immunoglobuline G o gammaglobuline), che pare proteggano il corpo da un attacco di cuore, anche quando i livelli di colesterolo nel sangue e pressione arteriosa risultano elevati.
Gli scienziati hanno analizzato i dati di oltre 1700 soggetti arruolati nello studio Anglo Scandinavian Cardiac Outcomes Trial (Ascot) e inquadrati come individui a rischio di sviluppare problemi cardiaci. Durante i 5 anni e mezzo di durata dello studio 470 di loro, colpiti da infarto del miocardio o ictus cerebrale, sono stati messi a confronto con un gruppo di controllo di 1283 persone per analizzare quali fossero le differenze. I ricercatori hanno così scoperto che le persone con il più alto tasso di anticorpi presentavano un rischio di malattia coronarica o di infarto più basso del 58% e una probabilità di essere colpiti da ictus o altri eventi cardiaci più bassa del 38%.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!