SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
06/05/2016, 12:00

occhi,salute, protezione, maculopatia,



Sole,-vento,-sabbia-e-cloro-i-nemici-“giurati”-della-vista,-ma-le-soluzioni-ci-sono


 Con l’arrivo del caldo e le prime gite al mare o in montagna rispuntano alcuni possibili nemici della salute dei nostri occhi: sole, vento, sabbia e cloro.



Con l’arrivo del caldo e le prime gite al mare o in montagna rispuntano alcuni possibili nemici della salute dei nostri occhi: sole, vento, sabbia e cloro
«Nemici sì, ma da cui però possiamo difenderci», avverte Claudio Azzolini, direttore della Clinica oculistica e della Scuola di specializzazione in oftalmologia dell’Università dell’Insubria di Varese. «La luce per esempio è energia e una parte di questa raggiunge l’occhio sotto forma di raggi ultravioletti che possono fare male. Dobbiamo quindi proteggerci con gli occhiali scuri, preferendo quelli con filtri ad hoc con la certificazione CE, evitando così il rischio di danneggiare la retina».
Anche il vento, la sabbia e il cloro delle piscine possono alterare la salute dell’occhio. Fortunatamente abbiamo un sistema di difesa come gli ammiccamenti e la lacrimazione, precisa l’esperto, ma in alta montagna o al mare è utile una protezione per evitare la congiuntivite attinica: un’infiammazione della cornea e della congiuntiva causata da un’esposizione acuta ai raggi solari. In spiaggia, in piscina o in barca sono affidabili anche le lenti a contatto grazie a materiali moderni, purché siano controllati da un oculista e da un ottico che conosce i prodotti adeguati alle esigenze dei pazienti.
I raggi ultravioletti possono creare danni acuti o più gravi come le maculopatie, un insieme di malattie progressive che rappresentano una causa molto frequente di riduzione e perdita della vista. «Ne soffre di più chi lavora o ha lavorato all’aria aperta come contadini, giardinieri o pescatori», sottolinea l’esperto. «Sono loro i primi a dover indossare occhiali da sole. Ma è utile anche prevenire, consigliando a chi ha sofferto di maculopatie o ha una familiarità di optare per stili di vita sani: un’alimentazione equilibrata, poco fumo e alcol, ricordandosi di proteggere sempre gli occhi all’aperto».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!