SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
29/04/2016, 18:19

ischemia intestinale, ecografia, diagnosi, sintomi,



Medicina-d’urgenza,-scoperto-marcatore-ecografico-per-la-diagnosi-d’ischemia-intestinale


 Individuato marcatore ecografico per la diagnosi tempestiva d’ischemia intestinale, patologia mortale e difficilmente individuabile nelle fasi iniziali.



Individuato marcatore ecografico per la diagnosi tempestiva d’ischemia intestinale. L’indagine, pubblicata sull’European Journal of Emergency Medicine, è stata portata a termine da Fulvio Bruni e Marcello Pastorelli, dell’UOC Medicina d’urgenza del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, in collaborazione con Tim Harris e Stefano Sartini dell’Ospedale Queen Mary di Londra. 
«Su 49 pazienti trattati in emergenza - spiega Pastorelli - abbiamo analizzato le alterazioni del flusso sanguigno nei tronchi arteriosi che irrorano i visceri addominali. Tali variazioni sono visibili con l’ecografia e, se presenti, permettono di dare subito un’indicazione per indirizzare il paziente al percorso diagnostico-terapeutico per il trattamento dell’ischemia intestinale, patologia mortale e difficilmente individuabile nelle fasi iniziali perché presenta una sintomatologia addominale dubbia». 
«Per la prima volta - aggiunge Bruni - è stata fatta un’attenta valutazione di queste alterazioni con ecografia al letto del paziente. Il prossimo passo sarà valutare in base ai parametri ecografici le differenze tra le due tipologie di ischemia intestinale rilevabili, occlusiva e non occlusiva, per mettere a punto un percorso di diagnosi differenziale». 
«Una metodica - conclude Pastorelli - utilizzabile da tutti i medici impegnati in reparti di emergenza-urgenza. Tali marker ecografici possono essere facilmente individuati, dopo un training adeguato, potenziando così l’assistenza e la qualità di cure al paziente in tempi molto rapidi».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!