SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
15/04/2016, 11:01

fertilit,app, temperatura basale, gravidanza,



Contro-le-gravidanze-indesiderate-ora-c’è-una-“app”-per-smartphone-IOS-e-Android


 Nuova "app" in grado di monitorare la fertilità della donna attraverso la misurazione quotidiana della temperatura basale...



È il momento delle "app" per smartphone: pare che ce ne sia una in grado di sostituire la pillola contraccettiva, con risultati altrettanto sicuri, ma senza effetti collaterali. A studiare il funzionamento e l’efficacia dell’applicazione "NaturalCycles", scaricabile sia in versione Ios sia Android, che monitorizza la finestra fertile della donna attraverso la misurazione quotidiana della temperatura basale del suo corpo, sono stati gli esperti del prestigioso Istituto di ricerca svedese Karolinska di Stoccolma, pubblicandone poi i dati sull’European Journal of Contraception and Reproductive Healthcare.
L’indagine è stata condotta su 4054 donne svedesi fra i 20 e i 35 anni che hanno utilizzato la "app" per smartphone con l’obiettivo di verificare quante di loro siano successivamente rimaste incinta, anche nel caso non desiderassero una gravidanza. È emerso così che NaturalCycles, usato correttamente, ha un margine d’errore del 5 per mille: ovvero, 5 donne su 1000 hanno avuto una gravidanza indesiderata. Nell’uso reale, con maggior rischio di errori o di dimenticanze nella misurazione dei valori, si arriva a 7 donne su 1000 nel primo anno di utilizzo. In pratica, la pillola contraccettiva ha un indice di rischio di gravidanza molto simile a quello dell’applicazione. «Sempre più donne tra i 20 e 30 anni - avverte Kristina Gemzell Danielsson, coautrice dello studio - desiderano una contraccezione senza assumere ormoni. Aumentare la varietà di scelta di dispositivi di contraccezione è molto importante e questo lavoro rappresenta un passo avanti nella comprensione di come la tecnologia possa venirci incontro.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!