SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
01/04/2016, 17:22

ictus, infarto, alimentazione, omega 3, olio extravergine di oliva,



Dieta-anti-ictus,-5-raccomandazioni-per-scongiurare-il-pericolo-del-“blackout”-cerebrale


 Consumare agrumi, mele, pere e verdure a foglia contribuisce molto a prevenire ictus e infarto cardiaco.



Consumare agrumi, mele, pere e verdure a foglia contribuisce molto a prevenire ictus e infarto cardiaco: un aumento di circa 200 g al giorno del consumo sia di frutta sia di verdura farebbe diminuire il rischio ictus rispettivamente del 32 e dell’11%. 
Un discreto consumo di olio extravergine di oliva è considerato uno degli elementi in grado di contribuire maggiormente a proteggere il sistema cardiovascolare: un aumento di 23 g al giorno del suo consumo è associato a una riduzione del rischio di ictus e di mortalità rispettivamente del 20% e dell’11%. Se nutrienti come sodio, alcol e grassi saturi vanno sempre consumati con moderazione perché aumentano il rischio cardiovascolare, l’introduzione di omega 3, fibre, vitamine B6 e B12, calcio e potassio può contribuire a diminuire il rischio di ictus cerebrale. Ecco in sintesi 5 consigli anti-ictus. 
  1. Consumare pesce almeno 2 volte alla settimana, in particolare salmone, pesce spada, pesce azzurro e trota. 
  2. Ridurre l’apporto complessivo di sale alla quantità massima di 5 g al giorno, considerando anche il suo contenuto negli alimenti già preparati.
  3. Consumare almeno 3 porzioni di frutta e almeno 2 porzioni di verdura al giorno. 
  4. Limitare il consumo di grassi e condimenti di origine animale, preferendo quelli di origine vegetale. 
  5. Bere non più di 2 bicchieri di vino al giorno.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!