SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
11/03/2016, 18:29

chirurgia estetica, Liposkill, cellule staminali, grasso corporeo, filler,



Chirurgia-estetica,-filler-e-protesi-cedono-il-posto-a-staminali-del-grasso-


 Ringiovanimento cutaneo, filler e aumento dei volumi del viso e del seno diventano oggi trattamenti più semplici, sicuri e completamente naturali.



Ringiovanimento cutaneo, filler e aumento dei volumi del viso e del seno diventano oggi trattamenti più semplici, sicuri e completamente naturali. Merito delle più avanzate tecniche di medicina rigenerativa e tecnologia cellulare con un approccio completamente biologico. Liposkill è la rivoluzionaria tecnica che utilizza le cellule staminali del paziente e le rende il più avanzato prodotto di medicina estetica mai avuto a disposizione. «Il tanto ricercato segreto di giovinezza è sempre stato sotto i nostri occhi, proprio dentro di noi», spiega Nicolò Scuderi, ordinario di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica dell’Università La Sapienza di Roma. «Qualche anno fa si è scoperto che nel grasso corporeo sono presenti anche cellule staminali mesenchimali, con un ruolo rigenerativo dei tessuti, "multipotenti": possono cioè trasformarsi solo in alcuni tessuti, nello specifico cellule adipose, cartilaginee e ossee. L’intuizione che la risposta fosse nel grasso era corretta ma era sbagliato il metodo: pensavamo che fosse il grasso a permettere la correzione, mentre si è visto che da solo gran parte va incontro a riassorbimento, necrosi e perdita, specialmente se usato in grande quantità e zone ampie, mentre sono le staminali la risposta e le cellule adipose vengono usate come supporto iniziale e sostituite poi da cellule nuove che si generano proprio dai milioni di staminali impiantate in sede e che si stabiliscono stabilmente nell’organismo».
Quindi, per avere un seno florido, un lato B invidiabile, una pelle liscia e luminosa ed eliminare le rughe non è più necessario un intervento chirurgico, l’uso di protesi o materiali estranei da impiantare o iniettare, che rendono conto dei circa 25 mila interventi l’anno di mastoplastica in Italia, cui si aggiungono 160 mila trattamenti iniettivi per le rughe di viso, collo, décolleté e mani.
Per utilizzarle come filler o riempitivo, le staminali del tessuto adiposo (ADSC) devono essere trattate con la tecnologia Liposkill: la procedura prevede un piccolo prelievo di grasso (circa 20-30 cc) nello studio del medico, che spedisce il campione a una delle "cell factory" Bioscience di San Marino o Dubai, dove vengono isolate, moltiplicate per un periodo di 12 giorni in coltura e crioconservate a -196° per qualsiasi utilizzo futuro. Con un aumento del 20% nel 2014 e 28.500 interventi il trapianto di grasso è il quarto intervento in Italia più praticato. Noto da almeno 30 anni, negli ultimi tempi ha registrato un boom di richieste nonostante un limite sino ad ora insormontabile: il riassorbimento del grasso con perdita del risultato che, la necessità di un’ipercorrezione nel primo trattamento e la scomparsa dei risultati nell’arco di alcuni mesi.
L’impiego del grasso per il rimodellamento corporeo diventa così obsoleto: per aumentare il volume di seno, glutei, zigomi, rughe profonde sono necessarie decine o centinaia di milioni di cellule staminali del tessuto adiposo. Per il riempimento di rughe profonde servono circa 10 milioni di cellule, per l’aumento di una taglia di volume del seno (circa 250 cc) ne servono almeno 300 milioni: quantità che si ottengono solo dopo coltura in "cell factory". È possibile ottenere 100 milioni di cellule staminali mesenchimali con solo 20 mL di grasso, mentre per la stessa quantità senza coltura cellulare ne servirebbero 20 litri. Inoltre, le staminali espanse hanno una funzione rigenerativa anche dei tessuti circostanti, grazie ai fattori di crescita e alle citochine che producono. Con il solo grasso invece, non solo non si osserva lo stesso miglioramento nella qualità dei tessuti, con in più la presenza di tessuto necrotico.
La nuova tecnica rende accessibile molti trattamenti a chi non poteva o non voleva affrontare il bisturi, ma anche a chi non ne aveva la possibilità economica. Tra spese di prelievo, trattamento delle cellule e conservazione delle fiale il costo non supera 1800 euro per il viso e 3000 euro per il seno, cui va aggiunto solo l’onorario del medico specialista che esegue il trattamento. Inoltre, nella banca vengono conservate altre fiale per eventuali usi futuri. Cifre ben lontane da quelle necessarie per una mastoplastica additiva o per trattamenti necessari al mantenimento dei risultati di un filler da ripetere ogni 6-8 mesi. I risultati del trattamento con staminali del tessuto adiposo sono notevolmente più duraturi rispetto al lipofilling tradizionale, mentre per la mastoplastica con protesi bisogna mettere in conto complicanze chirurgiche, rotazioni, reazioni capsulari, l’eventuale sostituzione delle protesi e, non ultimi, ripensamenti su forma e dimensioni.
«All’Università - sottolinea Scuderi - utilizziamo le staminali espanse nelle cell factory da circa 10 anni per trattare diverse condizioni degenerative dei tessuti con risultati pubblicati in letteratura. La sicurezza biologica e l’efficacia terapeutica è stata documentata da un’enorme produzione scientifica tuttora in crescita». Un’ulteriore novità, conclude l’esperto, è che «qualsiasi persona si sottoponga a una liposuzione, da questo momento può contare su un deposito di preziosissimo materiale biologico per qualsiasi uso estetico futuro: dal miglioramento del profilo o della dimensione del seno, al ringiovanimento del volto, all’aumento dei volumi. Applicazioni numerosissime con il vantaggio di un risultato estremamente naturale, insomma un vero e proprio "deposito bancario di giovinezza" da utilizzare con o senza le cellule grasse».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!