SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
26/02/2016, 11:03

melanoma cutaneo, donne, lampade abbronzanti,



Epidemia-di-melanoma-nelle-donne-under-40-a-causa-delle-lampade-abbronzanti


 Aumenta il rischio di melanoma cutaneo precoce nelle donne che si abbronzano frequentemente con le lampade Uva in età molto giovane...



Aumenta il rischio di melanoma cutaneo precoce nelle donne che si abbronzano frequentemente con le lampade Uva in età molto giovane. A confermarlo è un recente studio pubblicato su Jama Dermatology dai ricercatori dell’Università del Minnesota Twin Cities, coordinati dall’epidemiologa ed esperta di salute pubblica DeAnn Lazovich, su 681 pazienti di entrambi i sessi con diagnosi di melanoma tra il 2004 e il 2007 a confronto con 654 soggetti di controllo tra i 25 e i 49 anni. 
«Oltre metà dei soggetti di entrambi i gruppi erano donne - avverte la ricercatrice - e quelle che si abbronzavano nei centri di bellezza avevano un rischio da 2 a 6 volte maggiore di sviluppare il tumore cutaneo rispetto alle altre». Nel confronto tra le donne di 40 e 49 anni, quelle under 40 riferivano di essersi sottoposte all’abbronzatura indoor già in giovane età (16 contro 25 anni) e con frequenza elevata, con un numero medio di sessioni rispettivamente di 100 contro 40. Gli uomini invece sembrano utilizzare le lampade abbronzanti con minor frequenza rispetto alle donne (44,3% contro 78,2%), fenomeno che potrebbe in parte spiegare la scarsa correlazione tra abbronzatura indoor e melanoma nella popolazione maschile. Risultati che giustificano, secondo gli scienziati, gli sforzi per regolamentare l’uso delle lampade abbronzanti con l’obiettivo di arginare l’epidemia di melanoma, soprattutto tra le giovani donne. Anche secondo Gery Guy, dei Centers for disease control and prevention (CDC) di Atlanta, i dati confermano che la riduzione dell’esposizione ai raggi ultravioletti emessi dalle lampade abbronzanti è fondamentale per prevenire il melanoma.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!