SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
12/02/2016, 13:23

tumore, alimentazione, decalogo, cancro, attivitŗ fisica, nutrizione,



ADI,-10-regole-fondamentali-per-prevenire-i-tumori-a-tavola-


 Prevenire circa un terzo delle neoplasie attraverso una dieta sana e corretta, il mantenimento del giusto peso corporeo e una regolare...



Prevenire circa un terzo delle neoplasie attraverso una dieta sana e corretta, il mantenimento del giusto peso corporeo e una regolare attivit√† fisica non √® impossibile. A ricordarlo, sulla base delle linee guida emanate dal World Cancer Research Fund International (Wcrf) riconosciute da tutto il mondo scientifico, √® l’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (Adi) con 10 semplici regole da seguire per una corretta prevenzione oncologica. Gli esperti Adi precisano che le raccomandazioni sono valide anche per chi √® guarito dal tumore e non ha riportato effetti collaterali causati dalle terapie pregresse, ma che non possono essere applicate a soggetti sottoposti a trattamenti chirurgici, radioterapici o chemioterapici che hanno specifici fabbisogni nutrizionali. Fondamentale, in tutti i casi, √® rivolgersi sempre allo specialista competente (dietologo e dietista). Ecco dunque il decalogo

  1. Peso corporeo: l’Indice di massa corporea (IMC) va mantenuto tra 18,5 e 24,9. Si calcola dividendo il peso (Kg) per l’altezza (m2). Per esempio: una persona che pesa 70 Kg ed √® alta 1,74 m ha un IMC = 70/(1,74 x 1,74) = 23,1. 
  2. Attivit√† fisica: svolgere regolare attivit√† fisica √® fondamentale. Per chi non pu√≤ √® sufficiente camminare a passo svelto per almeno 150 minuti/settimana. 
  3. Bevande zuccherate e cibi ipercalorici: evitare gli zuccheri semplici e limitare gli alimenti ad alta densità calorica come i dolciumi: così si riduce anche il rischio di sovrappeso e obesità.
  4. Alimenti di origine vegetale: aumentare il consumo di frutta e verdura, legumi (fagioli, ceci, lenticchie, piselli, fave) come sostituti delle proteine di origine animale e cereali integrali. Sono alimenti ricchi di vitamine, sali minerali, fibre e altre sostanze con attività benefica.
  5. Carne rossa e carni lavorate/conservate: limitare il consumo di carne rossa preferendo quella bianca e limitare fortemente il consumo di prodotti conservati e lavorati (insaccati, salumi): cos√¨ si riduce anche l’assunzione di sodio. 
  6. Bevande alcoliche: per chi decide di consumarle, la dose massima √® di 2 bicchieri al giorno per l’uomo e 1 bicchiere al giorno per la donna: il contenuto medio di etanolo a bicchiere √® pari a 10-15 g, equivalente a 1 bicchiere di vino o 1 birra da 125 mL o 1 bicchierino di superalcolico (40 mL).
  7. Sale: per ridurre il consumo di sale meglio utilizzare spezie, aromi ed erbe aromatiche, con la raccomandazione a leggere sempre le etichette per controllare il contenuto di sodio nei prodotti industriali.
  8. Dieta personale: assumere una dieta varia ed equilibrata secondo la disponibilit√† stagionale, in modo da assumere tutti i nutrienti necessari al proprio organismo e rendere inutile l’assunzione di integratori anche a scopo di prevenzione oncologica, salvo particolari condizioni identificate dal medico curante o dallo specialista.
  9. Allattamento al seno: rappresenta la prima scelta consigliabile per i primi 6 mesi di vita del bambino. Una strategia in grado di proteggere, oltre al bambino, anche la mamma dal tumore al seno e dall’insorgenza di obesit√† e sovrappeso.
  10. Dieta mediterranea: gli effetti benefici ottenuti con la dieta mediterranea nella prevenzione del cancro sono ripetutamente confermati dai risultati della ricerca scientifica. Recenti studi hanno evidenziato, inoltre, l’efficacia preventiva antitumore della dieta "pescetariana" (pesce + vegetali). 



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

√ą IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!