SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
27/01/2016, 10:53

Benepali?, etanercept, artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale, psoriasi a placche,



Samsung-Bioepis-lancia-in-Europa-il-primo-farmaco-biosimilare-antiartrite


 È Samsung Bioepis, divisione farmaceutica del gigante dell’elettronica coreano, la prima "pharma" a lanciare in Europa una versione biosimilare di etanercept.



È Samsung Bioepis, divisione farmaceutica del gigante dell’elettronica coreano, la prima "pharma" a lanciare in Europa una versione biosimilare di etanercept. Il Comitato per i medicinali ad uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha dato parere positivo sull’approvazione di Benepali™, clone dell’analogo farmaco prodotto da Amgen e Pfizer. Il farmaco è indicato per il trattamento di artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale e psoriasi a placche. Non appena la Commissione europea convaliderà l’autorizzazione all’immissione in commercio, Benepali™ sarà il primo biosimilare di etanercept ad essere approvato nell’Unione europea. Il farmaco sarà disponibile in Italia dopo l’approvazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Secondo Peter Taylor, direttore dell’Unità di ricerca biomedica sull’infiammazione al Kennedy Institute of Rheumatology dell’Università di Oxford, il nuovo farmaco potrà contribuire a migliorare l’accesso ai trattamenti per i pazienti affetti da patologie infiammatorie croniche, che fino ad oggi è risultato limitato dai costi elevati.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!