SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
30/12/2015, 11:48

prostata, cancro, laparoscopia, carcinoma, intervento,



Primo-intervento-robotico-mininvasivo-di-prostatectomia-radicale-per-via-ombelicale


 Per la prima volta in Italia è stato eseguito un intervento di prostatectomia radicale robotica unicamente per via ombelicale in...



Chirurgia oncologica mininvasiva all’Ospedale San Raffaele di Milano, dove per la prima volta in Italia è stato eseguito, con l’ausilio del robot-chirurgo Da Vinci, un intervento di prostatectomia radicale robotica unicamente per via ombelicale in un paziente di 56 anni. Autore della procedura con la sua équipe è Franco Gaboardi, esperto di chirurgia urologica mininvasiva, microchirurgia urologica e oncologia urologica, nonché primario dell’Unità di urologia dell’Ospedale Irccs San Raffaele Turro. Il cancro alla prostata è il più frequente tumore solido nei paesi occidentali e rappresenta la seconda causa di morte per tumore negli uomini, dopo il carcinoma polmonare. L’intervento laparoscopico standard prevede l’impiego del sistema robotico Da Vinci attraverso 6 piccole incisioni, una a livello ombelicale e 5 addominali. In questo caso, invece, l’intervento è stato realizzato praticando una sola incisione (single port). «Pur non potendo trarre conclusioni definitive - precisano i clinici dall’ospedale - i vantaggi di questa tecnica, al di là del fattore estetico, riguardano soprattutto un’importante riduzione del dolore postoperatorio e una più rapida dismissione del paziente. L’intervento single port, finora impiegato quasi esclusivamente per la riparazione di alcune malformazioni renali come la sindrome del giunto pieloureterale, è stato sfruttato in questo caso per la prima volta in Italia per rimuovere un tumore alla prostata». Considerando l’ottimo risultato ottenuto, all’Unità di urologia del San Raffaele Turro è stato avviato un programma di nuovi interventi "single port", che verranno eseguiti sui pazienti portatori di carcinoma prostatico.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!