SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
18/11/2015, 10:56

antibiotico, resistenza, acne, aderenza terapia,



Resistenze-batteriche-in-aumento-per-l’abuso-di-antibiotici-anche-nelle-patologie-dermatologiche


 Antibiotici,ad abusarne è un numero sempre maggiore di pazienti, che rafforzano così i meccanismi di antibiotico-resistenza...



Antibiotici efficaci contro raffreddore e influenza: ad esserne erroneamente convinto, secondo un’indagine condotta dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC), è il 40% degli europei. Ad abusarne è un numero sempre maggiore di pazienti, che rafforzano così i meccanismi di antibiotico-resistenza: oltre il 40% negli ultimi 20 anni. Un fenomeno in deciso aumento quello della resistenza agli antibiotici, destinata a rappresentare una delle minacce più temibili per la salute pubblica mondiale. Se la prudenza è sempre raccomandata, in campo dermatologico diventa un obbligo quando le terapie sono indirizzate ai ragazzi, ovvero i soggetti maggiormente affetti da acne tra i quali spesso si riscontra un impiego inappropriato di antibiotici.
«Recentemente - avverte Stefano Veraldi, direttore della Scuola di specializzazione in Dermatologia e Venereologia dell’Università di Milano - anche l’American Academy of Dermatology (AAD) ha sottolineato come impiegare gli antibiotici con cautela e solo nelle forme più gravi della patologia. Da evitare, in particolare, è l’uso concomitante di antibiotici orali e topici, specialmente nelle terapie croniche».
Inoltre il Propionibacterium acnes, batterio coinvolto nella patogenesi dell’acne, spesso sviluppa una resistenza crociata ai due antibiotici topici maggiormente impiegati per il trattamento di questa patologia: l’eritromicina e la clindamicina. Un fenomeno che interessa un numero significativo di pazienti in Italia.
«L’acne è una patologia che interessa in particolar modo il 70-80% degli adolescenti. Pazienti per i quali spesso è difficile mantenere una corretta aderenza alla terapia e che ricorrono agli antibiotici senza controllo medico», continua il dermatologo milanese.
«L’uso prudente degli antibiotici, com’è stato ricordato dall’ECDC in occasione della Giornata mondiale dell’antibiotico-resistenza del 18 novembre, può contribuire a fermare l’insorgenza dei batteri resistenti e ad aiutare a mantenere l’efficacia degli antibiotici perché possano essere utilizzati dalle generazioni future.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!