SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
29/10/2015, 18:11

diabete, vaccino, insulina, cellule beta, pancreas,



Al-via-la-seconda-fase-sperimentale-per-la-messa-a-punto-di-un-vaccino-contro-il-diabete-giovanile-


 Tra qualche anno potrebbe essere disponibile un vaccino contro il diabete giovanile per i bambini che mostrano una predisposizione ...



Tra qualche anno potrebbe essere disponibile un vaccino contro il diabete giovanile per i bambini che mostrano una predisposizione allo sviluppo della malattia.
Alcuni ricercatori dell’Università Ludwig Maximilians di Monaco di Baviera hanno dato il via alla seconda fase di sperimentazione che coinvolge bambini dai 6 ai 24 mesi.
I risultati della prima fase di sperimentazione, pubblicati sul Journal of American Medical Association, sono stati positivi in termini di sicurezza e tollerabilità, senza episodi di ipoglicemia e altri effetti collaterali. 
Durante la seconda fase sarà testata l’efficacia del vaccino su alcuni bambini che presentano un elevato rischio genetico di sviluppare diabete di tipo 1, o che hanno familiari affetti dalla malattia.
Si tratta di un vaccino orale somministrato a dosi crescenti di insulina (da 7,5 mg a 67,5 mg) per "abituare" gradualmente l’organismo e scongiurare il pericolo di una reazione autoimmune. Proprio per questo motivo è stata preferita la somministrazione orale, in quanto l’insulina viene frammentata all’interno del tubo digerente e riconosciuta come sostanza innocua dal sistema immunitario.
I ricercatori sperano che in questo modo venga impedita la distruzione delle cellule beta pancreatiche deputate alla produzione di insulina, l’ormone responsabile della regolazione degli zuccheri nel sangue.




1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!