SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
23/10/2015, 10:06

pillolo, contraccezione, fertilit maschile, spermatozoi,



Scoperta-la-proteina-che-regola-la-fertilità-maschile,-il-“pillolo”-contracettivo-potrebbe-diventare-realtà


 La calcineurina, una proteina presente negli spermatozoi, sembra avere un ruolo fondamentale nella regolazione della fertilità maschile.



La calcineurina, una proteina presente negli spermatozoi, sembra avere un ruolo fondamentale nella regolazione della fertilità maschile. A rivelarlo è una ricerca giapponese dell’Università di Osaka, pubblicata sulla rivista Science.
Nello studio preclinico, condotto sui topi, gli scienziati giapponesi coordinati da Haruhiko Miyata si sono concentrati su due forme leggermente diverse di calcineurina (PPP3R2 e PPP3CC) presenti unicamente nelle cellule che danno origine agli spermatozoi. I ricercatori hanno modificato la struttura delle proteine in modo da rendere i topi infertili senza perdere la capacità di accoppiarsi. Nello specifico, la produzione e il movimento degli spermatozoi non sono impediti, ma quest’ultimi non sono in grado di penetrare la cellula uovo e fecondarla. 
Lo stesso gruppo di ricercatori ha condotto ulteriori test utilizzando farmaci immunosoppressori per bloccare temporaneamente l’attività della calcineurina. I topi sono diventati in questo modo infertili nell’arco di 4-5 giorni, ma la loro fertilità è stata recuperata rapidamente nel breve giro di una settimana dopo sospensione del trattamento.
Secondo i ricercatori, il meccanismo potrebbe essere sfruttato per la messa a punto di una pillola anticoncezionale maschile. È necessario però individuare la molecola in grado di inibire selettivamente la calcineurina presente negli spermatozoi umani.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!