SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
09/10/2015, 14:03

sclerosi multipla, disabilit, fumare, sigarette,



Sclerosi-multipla,-se-si-fuma-la-malattia-peggiora-più-rapidamente


 Continuare a fumare dopo la diagnosi di sclerosi multipla sembra accelerare la progressione della malattia verso la disabilità.



Continuare a fumare dopo la diagnosi di sclerosi multipla (SM) sembra accelerare la progressione della malattia verso la disabilità. A segnalarlo è uno studio del Karolinska Institutet di Stoccolma, pubblicato su Jama Neurology, secondo cui il fumo di tabacco è tra i fattori più noti di rischio di malattia. Dopo una fase iniziale caratterizzata da ricadute irregolari e progressivo peggioramento che si protrae per circa 20 anni, si assiste spesso a un cambiamento nella qualità e frequenza delle recidive che possono essere meno numerose, ma con recupero incompleto e deterioramento fisico e cognitivo. Il segnale, cioè, che la patologia sta "scivolando" verso la malattia secondaria progressiva (SMSP). Il tempo tra esordio di SM e conversione in SMSP, a detta dei ricercatori svedesi, è una misura di progressione della malattia, che per ogni anno passato a fumare dopo la diagnosi accelera del 5%. Nei malati che continuano fumare il passaggio dalla forma primaria di malattia a quella secondaria avviene in età più precoce (in media 48 anni), rispetto a chi ha interrotto l’abitudine (56 anni). Lo studio, insomma, dimostra che fumare dopo la comparsa di SM influisce negativamente sulla progressione di malattia, mentre astenersi dall’abitudine migliora la qualità della vita e posticipa l’eventuale comparsa della forma progressiva di malattia


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!