SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
09/10/2015, 13:44

diabete, chirurgia, insulina, glicemia,



Diabete-di-tipo-2,-chirurgia-metabolica-più-efficace-dei-farmaci


 Nel lungo termine la chirurgia metabolica sembrerebbe più efficace della terapia medica del diabete di tipo 2.



Nel lungo termine la chirurgia metabolica sembrerebbe più efficace della terapia medica del diabete di tipo 2. Ad affermarlo è uno studio multicentrico condotto dall’Università Cattolica e il Policlinico Gemelli di Roma, in collaborazione con il King’s College di Londra. L’indagine, pubblicata sulla rivista Lancet del 5 settembre scorso, è la prima a mettere a confronto i risultati a 5 anni della chirurgia metabolica rispetto alle cure non interventistiche del diabete su un campione di 60 persone con diabete di tipo 2 fra i 30 e i 60 anni con indice di massa corporea (BMI) superiore a 35 sottoposti in maniera casuale a uno dei seguenti trattamenti: dieta, esercizio fisico, ipoglicemizzanti orali e/o insulina, oppure a chirurgia metabolica con due varianti: bypass gastrico o diversione bilio-pancreatica. L’analisi dei dati ha così evidenziato come il diabete fosse ancora in remissione a 5 anni nella metà degli operati, rispetto a nessuno dei pazienti sottoposti a terapia standard. Inoltre, i soggetti operati hanno mantenuto livelli di glicemia inferiori per tutta la durata dello studio, con un’assunzione più limitata di farmaci antidiabetici e cardiovascolari. Infine, il rischio cardiovascolare nel gruppo sottoposto a trattamento chirurgico è apparso dimezzato rispetto ai pazienti in terapia medica, con una qualità di vita decisamente migliore. Secondo Francesco Rubino, direttore della cattedra di Chirurgia bariatrica e metabolica al King’s College, questo nuovo approccio terapeutico al diabete può garantire un controllo glicemico ottimale e un ridotto fabbisogno di insulina e di altri farmaci, con vantaggi anche sulla spesa sanitaria. 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!