SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
25/09/2015, 18:19

diabete, steatosi epatica, liraglutide,



Farmaco-antidiabete-efficace-sulla-steatosi-epatica


 Un farmaco ipoglicemizzante si è dimostrato efficace contro la steatosi epatica non alcolica.



Un farmaco ipoglicemizzante si è dimostrato efficace contro la steatosi epatica non alcolica, cioè l’accumulo di tessuto adiposo nel fegato di cui soffre il 60-75% delle persone con diabete mellito. A confermarlo è uno studio condotto dai ricercatori francesi dell’Hôpital du Bocage di Digione, coordinati da Bruno Vergès, i cui risultati sono stati presentati al 51° Congresso europeo di diabetologia EASD, appena conclusosi a Stoccolma. Per determinare il grado di steatosi epatica in 42 pazienti con diabete di tipo 2 è stata utilizzata una sofisticata tecnica spettroscopica di risonanza magnetica prima e dopo 6 mesi di trattamento con liraglutide, al dosaggio di 1,2 mg al giorno. I risultati hanno così dimostrato una diminuzione del grasso epatico del 33,3%, insieme ad una riduzione media del peso di 4,4 Kg e dell’emoglobina glicata del 2,6%, entrambe statisticamente significative.
«Oltre a ridurre la glicemia – spiega Paolo Sbraccia, ordinario dell’Università Tor Vergata di Roma e presidente della Società italiana dell’obesità (Sio) – liraglutide riduce il peso corporeo attraverso un’azione specifica a livello ipotalamico di riduzione dell’appetito e aumento della sazietà, riduce la pressione arteriosa, riduce i marcatori di infiammazione e migliora il profilo lipidico. Questi ultimi dati aggiungono alla lista degli effetti positivi di liraglutide anche un effetto di riduzione della steatosi epatica, una condizione molto diffusa e probabilmente sottostimata nei pazienti obesi e diabetici di tipo 2, che non rappresenta un innocente accumulo di grasso, ma è l’alterazione morfo-funzionale principale nella genesi del diabete di tipo 2 e il primo stadio di un danno epatico, che se non corretto, può evolvere verso la cirrosi». 
«Alla riduzione del contenuto di grasso epatico può aver sicuramente contribuito il calo ponderale», conclude Sbraccia, «ma è anche possibile che liraglutide abbia un effetto diretto sulla sintesi epatica degli acidi grassi, con un impatto rilevante su un’alterazione precoce e molto dannosa del diabete di tipo 2».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!