SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
18/09/2015, 11:48

iodio, carenza, gravidanza, tiroide, bambini, ipotiroidismo,



Un-pizzico-di-iodio-per-migliorare-il-rendimento-scolastico-dei-più-giovani


 L’ipotiroidismo fetale, riconducibile ad un basso consumo di pesce o, in alternativa, di sale iodato in gravidanza.



È ancora abbastanza diffuso l’ipotiroidismo fetale, riconducibile ad un basso consumo di pesce o, in alternativa, di sale iodato in gravidanza. «Basti pensare che il 50% della popolazione italiana che non usa questo tipo di condimento ha una lieve carenza di iodio» conferma Dominique Van Doorne, endocrinologa e segretaria scientifica di Atta-Lazio Onlus che, in occasione di un evento promosso dal Ministero della Salute all’Expo di Milano, ha illustrato alla platea costituita principalmente da ragazzi l’importanza del sale iodato nell’alimentazione.
«Se c’è una lieve carenza di iodio, la tiroide funziona a regime ridotto, rallentando la macchina metabolica umana. Così, il bambino diventa pigro e fa fatica in classe con ricaduta negativa sul rendimento scolastico. Lo iodio, infatti, è un componente fondamentale per la sintesi dell’ormone tiroideo, importante per lo sviluppo del sistema nervoso del feto e del bambino", spiega l’esperta. «Le ricerche dimostrano che un buon consumo di sale iodato ha una ricaduta positiva sul quoziente d’intelligenza (Qi). In particolare, una ricerca americana ha confrontato il Qi della popolazione più giovane residente in alcune aree del paese a distanza di 100 anni, tenendo conto dei consumi di questa sostanza. Si è visto così che l’incremento di Qi nei bambini di 8 anni, dovuto alle migliori condizioni generali di vita e nutrizionali, è stato maggiore laddove era maggiore il consumo di sale iodato».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!