SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
11/09/2015, 11:26

epilessia, chirurgia, cervello, neurologia,



15°-Congresso-mondiale-di-neurochirurgia,-dall’epilessia-si-può-guarire.


 Dall’epilessia si può guarire, non solo con i farmaci, ma anche con la chirurgia. Ad affermarlo al 15° Congresso mondiale di neurochirurgia di Roma è Vincenzo Esposito, primario dell’UOC di Neurochirurgia dell’Istituto Ircss Neuromed di Pozzilli...



Dall’epilessia si può guarire, non solo con i farmaci, ma anche con la chirurgia. Ad affermarlo al 15° Congresso mondiale di neurochirurgia di Roma è Vincenzo Esposito, primario dell’UOC di Neurochirurgia dell’Istituto Ircss Neuromed di Pozzilli, in provincia di Isernia, e ordinario di Neurochirurgia al Dipartimento di Neurologia e psichiatria dell’Università La Sapienza di Roma. Secondo l’Oms l’epilessia colpisce quasi l’1% della popolazione dei paesi industrializzati, 500 mila persone in Italia in gran parte bambini o giovani adulti. Oltre a forme genetiche responsabili di un aumento dell’irritabilità delle cellule cerebrali, l’epilessia è riconducibile ad anomalie circoscritte del cervello, quali malformazioni dello sviluppo della corteccia cerebrale, tumori, oppure esiti di ischemie, traumi o infezioni. «L’epilessia - spiega Esposito - è il sintomo di qualcosa che non va nel cervello, con l’insorgenza di una scarica elettrica anomala che manda temporaneamente "in tilt" una parte (epilessia focale) o tutto (epilessia generalizzata) il cervello stesso. A differenza di altre malattie neurologiche tipiche dell’età avanzata, quali Parkinson e demenza, l’epilessia colpisce in maniera preponderante persone giovani: il persistere delle crisi, specie se non controllate dalla terapia medica, impedisce di avere una normale vita di relazione, con difficoltà negli studi e nella vita sociale, affettiva e lavorativa». Secondo l’esperto riuscire a curare precocemente l’epilessia può consentire a queste persone di condurre una vita normale. Il 70 per cento dei pazienti epilettici risponde bene ai farmaci, mentre per i cosiddetti "non responder" si può valutare la possibilità di un trattamento chirurgico, ma con l’assoluta necessità di agire il più presto possibile. «I pazienti farmaco-resistenti - sottolinea il clinico romano - devono essere valutati da équipe multidisciplinari esperte in epilessia costituite da neurologi, neuroradiologi, neuropsicologi e neurochirurghi attraverso esami come la risonanza magnetica, la registrazione prolungata video-elettroencefalografica e lo studio neuropsicologico delle principali funzioni cerebrali. Tali indagini, unite ad altri esami selezionati caso per caso, aiutano a definire da quale regione cerebrale partono le crisi e se questa può essere rimossa chirurgicamente senza provocare danni importanti al paziente (intervento curativo) o, qualora non sia possibile, a proporre interventi alternativi per diminuire gravità e numero delle crisi (interventi palliativi). «Interventi eseguiti in centri di alta specializzazione nel campo dell’epilessia - conclude Esposito - hanno ottime possibilità di guarire o migliorare l’epilessia (in alcune forme la guarigione si ottiene nel 70-80% dei pazienti operati), con un tasso bassissimo di complicanze inferiore al 3%». 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!