SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
28/08/2015, 11:00

diabete, glicemia, curva glicemica, test carico orale di glucosio,



Diabete,-in-futuro-sarà-possibile-prevederne-l’insorgenza-entro-5-anni-


 Prevedere l’insorgenza del diabete entro 5 anni sarà possibile grazie ad un test economico e comunemente impiegato.



Prevedere l’insorgenza del diabete entro 5 anni sarà possibile grazie ad un test economico e comunemente impiegato. Si tratta della prova di carico orale di glucosio, che serve a tracciare la curva glicemica delle future mamme.
Lo afferma uno studio, pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism condotto da Giorgio Sesti, presidente eletto della Società italiana di diabetologia, insieme ai ricercatori dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e dell’Università di Roma Tor Vergata.
Dai risultati della ricerca è emerso che valori di glicemia superiori a 155 mg/dL (equivalenti a 8,61 mmol/L), dopo un’ora dall’assunzione di glucosio, sono associati ad un rischio aumentato del 400% di sviluppare diabete nei successivi 5 anni. 
Questi soggetti «presentano due aspetti patogenetici tipici del diabete tipo 2, - spiega Giorgio Sesti - una riduzione della sensibilità insulinica e una ridotta funzione secretoria da parte delle beta cellule pancreatiche. L’importanza del nostro studio è di avere fatto emergere una condizione di rischio per il diabete tipo 2 in un gruppo di persone considerate a basso rischio di diabete tipo 2 secondo le attuali linee guida. L’utilizzo a scopo diagnostico dei valori di glicemia, ad un’ora dall’assunzione di un carico orale standard di glucosio (75 g) è già consolidato per la diagnosi del diabete gestazionale, il diabete cioè che compare durante una gravidanza e che rappresenta una condizione di rischio sia per la gestante sia per il feto. Lo studio appena pubblicato fa seguito ad una serie di altre nostre ricerche, che hanno dimostrato come questa condizione di elevata glicemia, un’ora dopo il carico standard di glucosio, sia associata ad un peggiore profilo di rischio cardiovascolare. 
«Ma l’aspetto nella pratica clinica più rilevante - prosegue Sesti - è che la misurazione della glicemia, un’ora dopo carico orale di glucosio (in aggiunta alle due misurazioni che abitualmente si eseguono quali la glicemia a digiuno e quella dopo 2 ore) consente di identificare soggetti a rischio di diabete tipo 2, che sarebbero altrimenti ignorati nel tempo e privati di indicazioni utili a modificare lo stile di vita e a prevenire lo sviluppo della malattia. Il tutto con un test ambulatoriale, comunemente eseguito e dai costi assai limitati».
Tali risultati rivestono grande importanza nella scoperta precoce della malattia, che dà la possibilità ai soggetti con pre-diabete di correggere i fattori di rischio ed eventualmente assumere i farmaci più utili a prevenire l’insorgenza di diabete.   



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!