SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
28/08/2015, 11:00

tumori, diagnosi, sangue, analisi, diagnosi personalizzata, cancro,



Un-setaccio-hi-tech-per-la-diagnosi-precoce-dei-tumori


 Una nuova tecnologia sarà in grado di diagnosticare precocemente la diffusione di un tumore, fornendo in questo modo la possibilità di ...



Una nuova tecnologia sarà in grado di diagnosticare precocemente la diffusione di un tumore, fornendo in questo modo la possibilità di una migliore personalizzazione della terapia. Si tratta di un dispositivo sviluppato grazie ad una piattaforma di National Instruments da un gruppo di ricercatori italiani, tra i quasi 4.000 presenti all’evento mondiale NI Week di Austin, in Texas. 
Il particolare "setaccio" hi-tech è in grado di frazionare il sangue in microscopiche goccioline alla ricerca dei "rifiuti" prodotti dal metabolismo alterato della cellula tumorale.
«Il nostro dispositivo - spiega Fabio Del Ben, esperto di medicina rigenerativa all’Università di Trieste e cofondatore della start up Cytofind Diagnostics che sta sviluppando il prototipo - è in grado di trovare le cellule rilasciate in circolo dal tumore semplicemente analizzando una provetta di sangue in 40 minuti.
«Quando le cellule impazziscono - aggiunge Del Ben - consumano grandi quantità di ossigeno e glucosio, producendo acido lattico. Questo rifiuto, una volta riversato all’esterno, determina un piccolo abbassamento del pH dell’ambiente circostante, ed è proprio questa variazione di acidità che noi andiamo a cercare in ogni singola goccia di sangue».
I ricercatori hanno già brevettato il loro dispositivo e i primi test di laboratorio sono molto promettenti: la tecnica si è dimostrata molto efficace e permette di identificare svariati tipi di tumore con costi più bassi rispetto alle tecniche già disponibili.
Ora l’obiettivo degli studiosi è di perfezionare la loro invenzione in modo da renderla disponibile il prima possibile a tutti i pazienti.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!