SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
21/08/2015, 11:00

gravidanza, acido folico, expo 2015, vitamina B9



Acido-folico,-miglior-alleato-contro-le-malformazioni-neonatali


 Un’alimentazione sana e bilanciata è fondamentale in gravidanza per proteggere la salute del bambino. L’acido folico...



Un’alimentazione sana e bilanciata è fondamentale in gravidanza per proteggere la salute del bambino. Questo uno dei principali temi affrontati dal Ministero della Salute in occasione del convegno "Stili di vita, corretta alimentazione in gravidanza e prevenzione delle patologie congenite", organizzato a Expo 2015.
L’acido folico, noto anche come vitamina B9, è essenziale per l’organismo essendo coinvolto nella formazione di molecole importanti come il DNA, l’RNA e le proteine. Diventa ancora più importante in gravidanza, periodo nel quale il fabbisogno di tale vitamina aumenta. 
«Tutte le donne che pianificano una gravidanza o non la escludono dovrebbero iniziare ad assumere acido folico alla dose di circa 0,4 milligrammi al giorno» afferma Paolo Salerno, ricercatore del Centro nazionale Malattie rare dell’Istituto superiore di sanità (ISS). «L’acido folico va assunto fino al terzo mese di gravidanza, quando si verifica la chiusura del tubo neurale. La vitamina B9 permette di prevenire lo sviluppo nel neonato di gravi malformazioni del sistema nervoso centrale, la più nota delle quali è la spina bifida».
«Spesso la donna scopre di essere incinta solo alla quinta settimana di gravidanza, - ha spiegato Salerno - ma lo sviluppo delle strutture embrionali, da cui si formeranno il cervello e il midollo spinale del feto, si completa appena 28 giorni dopo il concepimento».
Questo il motivo per cui è consigliata per tutte le donne che programmano una gravidanza l’assunzione di acido folico già un mese prima del concepimento e nei tre mesi successivi. Ovviamente, sottolinea il ricercatore italiano, l’integrazione va accompagnata da un’alimentazione sana ed equilibrata ricca di frutta e verdura e dall’astensione totale da alcol e fumo, anche passivo.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!