SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
21/08/2015, 11:00

tumore, pancreas, cancro, urine, diagnosi precoce,



Carcinoma-del-pancreas,-diagnosi-precoce-grazie-ad-un-semplice-test-delle-urine-


 Il tumore al pancreas potrebbe essere identificato precocemente con un semplice test delle urine.



Il tumore al pancreas, spesso identificato solo in fase avanzata a causa del suo decorso silente, potrebbe essere identificato precocemente con un semplice test delle urine.
Si tratta di una neoplasia che nell’80% dei casi viene diagnosticata in fase terminale, tanto che a distanza di 5 anni sopravvive solo il 3% dei pazienti. 
Un team di ricercatori del Barts Cancer Institue della Queen Mary University di Londra ha scoperto nelle urine tre proteine a concentrazioni elevate nei pazienti con tumore al pancreas. Nel corso dello studio, pubblicato su Clinical cancer research, sono stati analizzati circa 488 campioni di urine provenienti da 192 pazienti con cancro al pancreas, 92 pazienti con pancreatite cronica, 87 volontari sani e 117 pazienti con patologie benigne o maligne a carico del fegato o della cistifellea. È emerso così che in caso di tumore i valori delle proteine LYVE1, REG1A e TFF1 erano elevati.
«È davvero emozionante - afferma Nick Lemoine del Barts Cancer Institute britannico, coautore dello studio citato dalla BBC online - perché per la prima volta potremmo essere in grado di offrire ai pazienti con cancro al pancreas l’opportunità di passare dalla diagnosi di un tumore avanzato a quella di una lesione allo stato iniziale, potenzialmente curabile con la chirurgia». Un "risultato entusiasmante" anche per la charity Pancreatic Cancer Research Fund, che sottolinea come di un test per la diagnosi precoce della malattia ci sia "davvero molto bisogno". Nei pazienti nei quali il carcinoma viene scoperto in stadio 1, sottolinea infatti Lemoine, il tasso di sopravvivenza può arrivare al 60%.
Queste sostanze potrebbero quindi rappresentare una sorta di firma del tumore, dei cosiddetti biomarker da utilizzare nei prossimi anni in ambito clinico per diagnosticare il tumore prima della sua manifestazione.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!