SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
14/08/2015, 11:09

alimentazione, bambini, alimenti,



Dalla-Sipps-i-preziosi-consigli-per-una-corretta-alimentazione-dei-bambini-in-estate-


 Una corretta ed equilibrata alimentazione per la salute dei bambini. La Sipps fornisce utili consigli ai genitori.



Una corretta ed equilibrata alimentazione è molto importante per gli adulti, ma lo è ancor di più per la salute dei bambini.
A sottolinearlo è la Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) che fornisce consigli utili ai genitori per una sana alimentazione basata sulla qualità degli alimenti, la loro combinazione e preparazione adeguata.
«Un primo e fondamentale suggerimento - afferma Elvira Verduci, membro del Consiglio direttivo della Sipps e ricercatrice universitaria della Clinica pediatrica dell’Ospedale San Paolo di Milano, diretta da Enrica Riva - è quello di suddividere l’apporto calorico giornaliero in 4-5 pasti: colazione e spuntino 20%, pranzo 40%, merenda 10%, cena 30%. La colazione deve essere ricca (latte/yogurt con cereali quali pane, fette biscottate, biscotti, prodotti confezionati nutrizionalmente adeguati e frutta o marmellata o spremuta d’arancia); il pranzo (pasto principale della giornata) e la cena (meno ricca del pranzo) devono saziare ed essere pasti completi (primo e secondo in porzioni adeguate per età, frutta e verdura o piatto unico con frutta e verdura); ogni giorno si dovrebbero assumere 4-5 porzioni tra frutta e verdura di stagione; i metodi di cottura devono essere semplici (al vapore o al forno); come condimento deve essere utilizzato olio d’oliva extravergine; si deve bere molta acqua; si dovrebbe condurre una vita attiva riducendo le occasioni di sedentarietà (per esempio Tv, computer).
«Per contro - prosegue la pediatra milanese Verduci - le merende e i "fuori pasto" in genere, scelti con debita attenzione, concorrono ad equilibrare l’alimentazione dei ragazzi e vanno per questo considerati come una parte importante delle abitudini alimentari quotidiane».
«La scelta - afferma Giuseppe Di Mauro, presidente Sipps - deve perciò riguardare alimenti che contengono soprattutto zuccheri a basso indice glicemico (fonti di energia), proteine (per la costruzione dell’organismo), vitamine e fibre alimentari (che forniscono maggiore "senso di sazietà"), senza esagerare con i grassi, in particolare quelli saturi. Gli alimenti possono essere scelti tra frutta di stagione, yogurt parzialmente scremato, latte con biscotti (meglio quelli secchi), ghiacciolo o sorbetto di frutta, pane con la marmellata o olio e/o pomodoro, merendina di composizione adeguata. Dolci e gelati dovrebbero essere assunti in estate circa due volte la settimana, preferendo gelati alla frutta. Tra il sorbetto o il ghiacciolo e il gelato meglio preferire i primi in quanto, essendo prodotti senza latte, non rappresentano una fonte in eccesso di lipidi. Soluzione interessante per i bambini sono i gelati alla frutta che presentano un basso apporto calorico. Alcuni tipi di gelato hanno qualità nutrizionali indicate per la merenda dei bambini, per una pausa dalle attività quotidiana o come spuntino per gli sportivi.
«Ogni giorno - conclude Di Mauro - è inoltre necessario introdurre una quota di calcio pari a quanto raccomandato per l’età del bambino, che si ottiene assumendo latte e latticini (latte parzialmente scremato, yogurt naturale con l’aggiunta di frutta fresca, formaggi freschi). Bisogna poi evitare l’eccessiva assunzione di bevande gassate zuccherate e preferire l’acqua naturale per un’adeguata idratazione (1600 mL/giorno a 4-6 anni, 1800 mL/giorno a 7-10 anni, 2100 mL/giorno i maschi e 1900 mL/giorno le femmine a 11-14 anni). Visto il periodo estiv, si può infine preparare come piatto unico un’insalata di cereali (miglio, quinoa, farro, orzo o pasta di grano duro meglio integrale) con pezzettini di pesce o legumi (piselli) o formaggio morbido o prosciutto cotto e verdura cotta al vapore».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!