SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
31/07/2015, 14:37

tiroide, noduli, tumore,



La-maggior-parte-dei-noduli-tiroidei-sono-di-natura-benigna


 Buone notizie per i noduli tiroidei, la maggior parte dei quali sono benigni e possono essere tenuti sotto controllo senza necessità di trattamento.



Buone notizie per i noduli tiroidei, la maggior parte dei quali sono benigni e possono essere tenuti sotto controllo senza necessità di trattamento. A spiegarlo è Sebastiano Filetti, del Dipartimento di Medicina interna e specialità mediche dell’Università La Sapienza di Roma, sulla base di dati rassicuranti provenienti da uno studio italiano pubblicato sempre su JAMA (2015 Mar 3; 313(9):926-35). «I noduli sono un evento molto frequente nella popolazione generale e interessano dal 30 al 50% delle persone. Nella maggior parte dei casi non danno disturbi e vengono scoperti durante controlli casuali. Di questi, l’80% è rappresentato da formazioni benigne, il 16,5% ha un profilo indeterminato da sottoporre ad ulteriori controlli e solo il 3,5% presenta un sospetto di malignità. Nel nostro studio multicentrico abbiamo seguito nel tempo (follow up) 993 pazienti con un’ecografia annuale e controlli dei dosaggi FT4 e TSH evidenziando come a 5 anni il 66% dei noduli rimane stabile, il 15,4% cresce di dimensioni (sia pure lentamente, intorno ai 5 mm in 5 anni), mentre il 18% tende addirittura a regredire. In questa coorte di pazienti solo il 9% presentava nuovi noduli al controllo». Secondo il clinico romano il profilo più a rischio di crescita è rappresentato dai soggetti che hanno più noduli, un’età inferiore ai 43 anni e un indice di massa corporea (BMI) superiore a 28». 
«L’incidenza minore della patologia nodulare tiroidea negli uomini - conclude Giustina - non deve essere un pretesto per abbassare la guardia. Infatti, quando il nodulo tiroideo si riscontra in un paziente maschio, ha più probabilità di essere un tumore maligno. Anche una ricerca pubblicata sulla rivista BMC Cancer di aprile ha evidenziato come l’incidenza di microcarcinoma papillare in pazienti con patologie tiroidee benigne sottoposti ad intervento chirurgico fosse del 16-17% in entrambi i sessi. Per questo è importante che la tiroide maschile non venga trascurata».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!