SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
03/07/2015, 16:40

osteoporosi, morbo di crohn, rettocolite ulcerosa, malattie infiammatorie, fratture ossee,



Maggiore-rischio-di-Osteoporosi-per-i-pazienti-con-malattie-infiammatorie.-


 Il 90,8% dei pazienti con malattie croniche intestinali (MICI), morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa, ha un inadeguato...



Il 90,8% dei pazienti con malattie croniche intestinali (MICI), morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa, ha un inadeguato apporto di calcio che determina un maggior rischio di osteoporosi e quindi di fratture ossee. Si tratta di uno dei temi affrontati durante il 2° Congresso Nazionale della Società Italiana di GastroReumatologia (SIGR).
«Questo aspetto è spesso misconosciuto e sottovalutato - afferma il prof. Vincenzo Bruzzese, Presidente Nazionale della SIGR - l’osteoporosi è una patologia subdola che si evidenzia con l’avvento indesiderato di una frattura ossea».
«I pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali sono ad elevato rischio di osteoporosi per la presenza di più fattori di rischio concorrenti - spiega il gastroenterologo prof. Piero Vernia del Dipartimento di Medicina Interna all’Università di Roma La Sapienza - La cronicità delle malattie comporta l’esposizione per tempi prolungati ad elevate concentrazioni di citochine pro-infiammatorie, che svolgono di per sé una azione negativa sul metabolismo osseo. Secondo fattore negativo è il frequente e prolungato uso di farmaci cortisonici, che notoriamente aggravano il problema, in quanto influisce negativamente sull’attività degli osteoblasti, le cellule che formano le ossa, mentre rimangono attivi gli osteoclasti, responsabili del riassorbimento dello scheletro. Altro fattore aggiuntivo è dato da una dieta povera di latte e latticini, che rappresentano la principale fonte dietetica di calcio».
Inoltre in alcune malattie intestinali è proprio l’intestino tenue a perdere la capacità di assorbimento del prezioso minerale e molti dei pazienti affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali tendono ad avere una ridotta esposizione al sole, con la conseguente riduzione della preziosa vitamina D.
«Ecco allora che questi pazienti devono essere valutati nella globalità e non solo nelle patologie presenti - sottolinea Bruzzese - così da prevenire l’insorgenza di problemi medici che possano peggiorare ulteriormente la vita di questi soggetti».
Il professor Vernia consiglia di monitorare la salute delle ossa attraverso una MOC (mineralometria ossea computerizzata) e di considerare l’opportunità di ricorrere ad una supplementazione di calcio e di vitamina D, soprattutto nei soggetti in trattamento con corticosteroidi. L’integrazione con vitamina D può non solo prevenire la degenerazione ossea ma migliorare il quadro clinico delle MICI grazie alle sue proprietà immunomodulanti.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!