SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
12/06/2015, 13:17

infertilit, fertilit, culle vuote, concepimento, gravidanza,



Nuovo-piano-nazionale-per-arginare-il-fenomeno-in-crescita-delle-âculle-vuoteâ


 In Italia, come in altri stati europei, si assiste al fenomeno del calo delle nascite associato all’aumento dell’infertilità.



In Italia, come in altri stati europei, si assiste al fenomeno del calo delle nascite associato all’aumento dell’infertilità. Se oggi il 20% delle coppie italiane accusa problemi ad avere figli, solo 20 anni fa la percentuale era appena più bassa del 50%.
Fra le possibili cause i cattivi stili di vita, fumo, alcol, sedentarietà, ma anche malattie sessualmente trasmesse come papilloma virus, Hiv, clamidia e sifilide, che tra l’altro sono in allarmante aumento. Gioca un ruolo altrettanto importante anche l’età della coppia: negli ultimi 30 anni l’età del concepimento s’è innalzata di 10 anni. Un dato che desta preoccupazione poiché la qualità degli ovociti diminuisce con il crescere dell’età, soprattutto dopo i 35 anni.  
Per questo il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha presentato il piano nazionale per incrementare le nascite e frenare l’infertilità. Tra le proposte, un "Fertility Day" il 7 maggio 2016, l’estensione del bonus bebè nei primi 5 anni di vita del bambino e l’apertura di una scuola di specializzazione in medicina della fertilità.
Nel piano sono state previste anche una serie di iniziative volte a informare i cittadini, soprattutto i giovani per dar loro la possibilità di compiere consapevolmente le proprie scelte. Fra queste la valorizzazione e il potenziamento dei consultori e un piano di rieducazione dei giovani sui social network. Obiettivi certamente ambiziosi, ma fondamentali per bloccare il crescente fenomeno delle "culle vuote".



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!