SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
12/06/2015, 13:11

melanoma, herpes, cura, t-vec,



Melanoma:-speranze-da-una-terapia-sperimentale-a-base-di-Herpes


 Il virus dell’herpes modificato potrebbe rappresentare la cura contro il melanoma (cancro della pelle).



Il virus dell’herpes modificato potrebbe rappresentare la cura contro il melanoma (cancro della pelle).
A sostenerlo uno studio svolto da un team di ricercatori guidati dal professor Kevin Harrington dell’Istituto di ricerca sul cancro di Londra.
Si tratta del T-Vec, la versione del virus dell’herpes modificato per permettere il suo ingresso solo nelle cellule tumorali e non in quelle sane.  
La ricerca, pubblicata sul Journal of Clinical Oncology, è durata 3 anni e ha coinvolto 436 pazienti, colpiti da melanoma avanzato inoperabile, provenienti da 64 centri fra Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e Sud Africa.
Il 16% dei soggetti trattati con il nuovo farmaco sperimentale ha mostrato una risposta positiva al trattamento nei sei mesi, rispetto al 2% che aveva ricevuto le cure tradizionali.
Nonostante che tutti i pazienti testati fossero affetti da melanomi maligni e inoperabili, quelli che hanno ricevuto la terapia con il T-Vec, hanno vissuto in media 20 mesi in più rispetto a chi aveva ricevuto una terapia alternativa (41 mesi, contro i 21 mesi dei pazienti sotto altre terapie).
Tra l’altro dai risultati è emerso che i benefici maggiori sono stati riscontrati in quei pazienti che non erano stati sottoposti ad alcun trattamento in precedenza e in coloro che avevano un melanoma in stadio meno avanzato.
I test sono ormai quasi completati, nei prossimi mesi la Fda, l’agenzia americana che si occupa del controllo sui cibi e sui farmaci, potrebbe autorizzare definitivamente l’utilizzo di questa nuova terapia.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!