SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
06/06/2015, 12:15

obesit, sovrappeso, prevenzione, malattie cardiovascolari,



La-Carta-di-Milano-per-contrastare-lâepidemia-mondiale-dellâobesità


 Carta di Milano contro l’obesità che spinge cittadini e istituzioni ad agire in molteplici aree.




Firmata dai massimi esponenti delle società scientifiche per l’obesità delle 32 nazioni riunite dall’Easo la Milan Declaration, la Carta di Milano contro l’obesità che spinge cittadini e istituzioni ad agire in molteplici aree:

- riconoscere che gli individui e le comunità colpite da obesità richiedono           comprensione, rispetto e supporto

- riconoscere che il sovrappeso e l’obesità rappresentano le principali cause di malattie che affliggono dal punto di vista sociale ed economico gli stati europei

- riconoscere che l’obesità, oltre a essere in alcuni casi una malattia altamente disabilitante e fatale di per sé, rappresenta un importante fattore di rischio per lo sviluppo di malattie non trasmissibili  

- riconoscere che dando la priorità alla prevenzione e cura dell’obesità, i sistemi sanitari possono efficacemente ridurre i costi causati dalle malattie non trasmissibili, in particolar modo se l’intervento sulla malattia avviene precocemente

- adottare e promuovere un approccio multidisciplinare per identificare e migliorare le soluzioni pratiche per bloccare l’obesità

- rendere l’obesità una priorità nazionale tramite lo sviluppo, il supporto e il miglioramento delle strategie per combatterla. Queste strategie devono dare la precedenza all’educazione scientifica a studenti e professionisti, e alle campagne di informazione pubblica

- rendere prioritaria l’identificazione di bisogni non soddisfatti nella ricerca sull’obesità, nella cura e nell’educazione

- supportare la ricerca nazionale ed europea volta allo sviluppo di nuove ed efficaci strategie di prevenzione e gestione della malattia.

Il documento contiene anche una presa di posizione del Patient Council dell’Easo, il comitato che riunisce le associazioni di pazienti europee costituito allo scopo di analizzare le sfide sociali poste dall’epidemia di obesità. Secondo il Council «L’obesità è un problema multidisciplinare in una società in rapida evoluzione. Gli individui sono vulnerabili ai cambiamenti che avvengono nella produzione alimentare, nella preparazione dei cibi, nel marketing e negli stili di vita. Molti di questi cambiamenti sono collegati all’obesità. Ci si deve seriamente chiedere se l’obesità, in quanto tale, sia una malattia o non piuttosto il sintomo di una società malata. Per questo dovremmo cercare di agire per cambiare la società e non solo gli individui».
Conclude poi: "oggi le colpe ricadono prevalentemente sulla persona obesa. È necessario far comprendere che la responsabilità deve coinvolgere anche scienziati, medici, manager e legislatori. Perseguire il successo richiede uno sforzo congiunto".



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!