SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
22/05/2015, 17:33

sovrappeso, obesità, peso, calorie, diabete, ipertensione,



Calo-ponderale-stabile,-una-sfida-da-affrontare-con-consapevolezza


 Perdere peso, ma soprattutto non riacquistarlo nel tempo, una missione ...



«Perdere peso, ma soprattutto non riacquistarlo nel tempo, una missione impossibile se si analizza la salute della popolazione mondiale che registra più di 2 miliardi di persone in sovrappeso od obese secondo gli ultimi dati diffusi al 22° congresso della Società europea dell’obesità (Easo) di Praga». A sottolinearlo è Roberto Castello, past president dell’Associazione medici endocrinologi (Ame), che aggiunge: «Il numero delle persone obese o in sovrappeso è in costante crescita e non c’è piena consapevolezza dei rischi che questo stato comporta».
Ma davvero è così difficile perdere peso? «Impossibile se si considera la dieta come un periodo, più o meno lungo, di restrizione calorica senza una modifica dello stile di vita e un cambiamento relativo all’investimento emotivo sul cibo» spiega Amelia Brunani, endocrinologa dell’Irccs Ospedale San Giuseppe di Piancavallo, Verbania. «L’errore è di sottovalutare il problema, di procedere con diete fai-da-te e non considerare che ogni regime dietetico ha un riflesso sul metabolismo neuroendocrino». Infatti, secondo l’indagine condotta dal Centro americano per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) di Atlanta, solo il 15% di pazienti in sovrappeso od obesi mantengono un calo ponderale del 10% a distanza di un anno. Una possibile spiegazione è la discontinuità a seguire regimi dietetici troppo rigidi per lunghi periodi, ma esiste anche un’altra spiegazione: lo sviluppo di meccanismi di adattamento metabolico alla perdita di peso e un aumento della fame per la comparsa di modificazioni ormonali che determinano un recupero di peso. 
«In pratica - spiega l’endocrinologa lombarda - ogni tentativo di dieta lascia una memoria metabolica che a sua volta sviluppa, nel tempo, dei meccanismi di resistenza alla perdita di peso. È il concetto stesso di dieta ad essere sbagliato: non si otterranno risultati duraturi se da un regime di dieta non si passa ad un cambio stabile di stile di vita inteso come alimentazione e attività fisica».
Va detto però che anche una perdita di peso modesta, pari al 5-10% del peso, porta ad una riduzione dei fattori di rischio e quindi alla prevenzione di diverse patologie associate all’obesità quali diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, ipertensione, dislipidemia, apnee notturne, steatosi epatica, osteoartrosi e depressione. La scelta dietetica deve considerare sesso, età, massa muscolare, patologie associate e farmaci assunti, ma anche tipo di lavoro e abitudini alimentari magari legate all’identità culturale (nazionalità, religione). 
«Se la valutazione della perdita di peso a breve termine è diversa usando schemi nutrizionali diversi, è molto più importante la valutazione dei risultati a lungo termine. Quindi - conclude Amelia Brunani - mai diete fai-da-te che possono rivelarsi dannose e rivolgersi sempre ad uno specialista, soprattutto in presenza di patologie concomitanti come diabete e/o ipertensione. In questo caso lo specialista potrà dare indicazioni specifiche sullo stile di vita da adottare non solo per "dimagrire", ma anche per la cura delle patologie esistenti».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!