SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
07/05/2015, 17:26

farmaci biologici, reumatismi, bambini, pediatri,



Regione-Puglia,-pediatri-esclusi-dalla-prescrizione-dei-farmaci-biologici-ai-bambini-reumatici


 Regione Pugliaa sancire che solo nei centri di riferimento regionali o nei centri primari definiti "Hub" è possibile la prescrizione dei farmaci biologici...



È la delibera n. 691 dello scorso 2 aprile 2015, emessa dalla Giunta della Regione Puglia sull’istituzione della rete regionale dei centri di assistenza reumatologica, a sancire che solo nei centri di riferimento regionali o nei centri primari definiti "Hub" è possibile la prescrizione dei farmaci biologici e che, all’interno di questi, solo gli specialisti in reumatologia possono prescriverli. Si tratta di farmaci in grado consentire un miglior controllo di patologie invalidanti e di grande impatto sociale come l’artrite idiopatica giovanile, nei casi refrattari ai farmaci tradizionali.
«Questo significa che i pediatri reumatologi, che sono specialisti in pediatria e gestiscono centri Hub, se non possiedono la seconda specializzazione in reumatologia non possono prescrivere i farmaci biologici» afferma Antonella Celano, presidente dell’Associazione persone con malattie reumatiche (Apmar). «Una situazione paradossale nella quale i bambini reumatici e le loro famiglie si ritroverebbero a non essere più assistiti come lo sono attualmente».
Con tale decisione la Regione Puglia, se da un lato inserisce correttamente i centri pediatrici tra i centri di riferimento della rete reumatologica, dall’altro però non li giudica adatti alla prescrizione dei farmaci biologici considerando come criterio essenziale la specializzazione in reumatologia, come se il pediatra reumatologo fosse inadeguato a scegliere la modalità e il tipo di farmaco biologico che deve essere prescritto al paziente preso in carico fino ad allora.
«Il pediatra reumatologo - conclude Celano - deve pertanto demandare la prescrizione ad un reumatologo che non conosce il paziente e che, pur non avendo competenze pediatriche, sceglierà e prescriverà il farmaco biologico. Uno scenario che rende più difficile il lavoro dei pediatri reumatologi a discapito della qualità dell’assistenza e dei bambini reumatici».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!