SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
21/09/2018, 11:53

intossicazione, alimentazione,



Tossicologia:-attenzione-ai-funghi-pericolosi-e-a-quelli-mangerecci-che-lo-possono-diventare-


 Sono circa 10 i bambini con intossicazione da funghi che ogni anno vengono ricoverati all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma..



Sono circa 10 i bambini con intossicazione da funghi che ogni anno vengono ricoverati all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che rientrano tuttavia in una casistica ben più ampia pari a 5 casi ogni 100 mila persone, ovvero lo 0,25 % delle esposizioni a sostanze tossiche nell’uomo. "Non raccogliere e non mangiare funghi senza il controllo di commestibilità dell’Ispettorato micologico dell’ASL" e "consumarne quantità moderate ed evitare di proporli ai bambini in età prescolare" sono solo alcune delle indicazioni contenute nel vademecum stilato dagli esperti del Centro antiveleni del Bambino Gesù per consentirne un consumo senza rischi per la salute.
È tra settembre e ottobre, mesi in cui nei boschi italiani è possibile trovare praticamente tutte le specie di funghi, che aumentano le segnalazioni d’intossicazione o avvelenamento, anche a causa dell’intensificarsi dell’attività dei cosiddetti "esperti fai-da-te", che raccolgono e mangiano funghi talvolta senza sottoporli ai dovuti controlli. Ingerire il fungo sbagliato può essere rischioso: la maggior parte delle intossicazioni si risolve senza danni o con sintomi irrilevanti, ma in un piccolo numero di casi (39 l’anno, secondo il National Poison Data System americano) le conseguenze sono gravi.
L’ingestione di alcune delle specie più pericolose, come l’Amanita phalloides, Cortinarius orellanus, Gyromitra esculenta genera sintomi che si manifestano dopo molte ore (da 6 a 48), quando il danno agli organi interni è già avvenuto. I più colpiti sono fegato e reni. Altri tipi di funghi possono provocare reazioni a breve latenza (fino a 6 ore) come disorientamento e convulsioni, o gravi sintomi gastroenterici con possibili ripercussioni metaboliche. «Una buona parte di queste intossicazioni non è dovuta all’ingestione di funghi velenosi, ma ad un uso scorretto di questo alimento. Spesso, infatti, i funghi vengono mangiati senza un’adeguata cottura, in cattivo stato di conservazione, in fase troppo avanzata di maturazione o in eccessiva quantità» spiega Marco Marano, responsabile del Centro antiveleni del Bambino Gesù. «Un fungo commestibile non deve assolutamente essere mangiato se sono presenti segni di decomposizione, a causa di alcune proteine pericolose (putrescina, cadaverina e istamina) che si formano proprio durante la fase di maturazione/decomposizione».
10 regole fondamentali per mangiare i funghi senza correre rischi d’intossicazione:
  1. Non raccogliere i funghi se non si è in possesso del tesserino autorizzativo 
  2. Tutti i funghi raccolti, e non acquistati, vanno sottoposti al controllo di commestibilità degli Ispettorati micologici delle ASL, disponibili in tutto il territorio nazionale
  3. Per la raccolta utilizzare contenitori idonei e aerati come i cestini. Non usare buste di plastica 
  4. Non consumare funghi raccolti lungo le strade o in luoghi che potrebbero essere contaminati (industrie, campi agricoli, ecc.) 
  5. Non è vero che i funghi che crescono su gli alberi non sono tossici 
  6.  Consumare funghi in quantità moderate 
  7. Cuocere i funghi sempre senza coperchio allo scopo di far evaporare le tossine termolabili 
  8. Nei funghi sott’olio si può sviluppare la tossina botulinica: attenzione alla conservazione 
  9. Non somministrare funghi a bambini in età prescolare, per la loro immaturità digestiva verso questi alimenti 
  10.  Non ingerire funghi in gravidanza.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!