SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
30/04/2015, 14:31

mano artificiale, stampante 3D, protesi mano, protesi gambe,



Ã-italiana-la-prima-mano-artificiale-costruita-con-stampante-3D-


 È stata stampata per la prima volta in 3D una mano artificiale, robusta e leggera, messa a punto...



È stata stampata per la prima volta in 3D una mano artificiale, robusta e leggera, messa a punto grazie all’accordo tra l’Istituto Italiano di tecnologia (IIT) e l’Inail per lo sviluppo di protesi tecnologicamente avanzate con un investimento complessivo di circa 11,5 milioni di euro. La nuova tecnologia è stata presentata a Roma e sarà possibile acquistarla entro il 2017. 
«La mano costerà come uno scooter», ha affermato Roberto Cingolani, direttore scientifico dell’IIT. «È una mano vera e semplice da utilizzare - ha aggiunto Antonio Bicchi, l’ideatore del progetto e direttore del centro ricerche Piaggio dell’università di Pisa - anche se è il risultato di una tecnologia complessa». 
La mano ha già superato alcuni test effettuati sulle persone, ed è stata realizzata con plastica e componenti metalliche. Oltre a essere robusta e leggera, sarà anche flessibile perché dotata di un tendine artificiale che dà la possibilità di imitare i naturali movimenti delle mani. Il movimento avviene grazie a due sensori che acquisiscono gli impulsi provenienti dalle terminazioni nervose rimaste. 
A breve saranno disponibili anche altre protesi.  «Oltre alla mano - afferma Simone Ungaro, direttore generale dell’IIT - entro il 2017 verranno messi a punto esoscheletri per le gambe ed entro il 2016 una piattaforma che funziona come una sorta di fisioterapista robotico, in via di sperimentazione in collaborazione con squadre di calcio».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!