SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
06/07/2018, 14:24

obesit, solitudine, mutazioni, dna



Ricerca:-obesità-aumenta-solitudine-causate-da-geni-in-comune-


 Potrebbe alimentare il crescente problema della solitudine l’attuale epidemia di obesità...



Potrebbe alimentare il crescente problema della solitudine l’attuale epidemia di obesità. A sostenerlo con uno studio pubblicato su Nature Communications sono i ricercatori dell’Università di Cambridge, che hanno scoperto un legame genetico tra le due condizioni. Circa un quarto dei britannici over 65 soffre di solitudine, una situazione che può aumentare il rischio di molte malattie e addirittura causare la morte precoce delle persone, mentre circa due terzi dei cittadini sono invece sovrappeso.
Come hanno ben evidenziato gli scienziati, esistono aree simili nei geni legate sia all’aumento della probabilità di accumulare chili in eccesso, sia all’isolamento sociale. Si tratta del primo studio che mostra un nesso causale tra solitudine e obesità, e gli scienziati suggeriscono di affrontare l’epidemia di solitudine proprio incoraggiando le persone a perdere peso. «Spesso si pensa che la solitudine sia guidata esclusivamente dall’ambiente circostante e dalle esperienze di vita», spiega il ricercatore John Perry. «Ma questo studio dimostra che anche i geni possono giocare un ruolo importante. Sebbene esista sempre un complesso mix di geni e ambiente, quello che vediamo dai dati è che affrontando l’obesità potremmo essere in grado anche di ridurre la solitudine».
Dopo aver analizzato le variazioni genetiche di quasi 488 mila britannici registrati nella UK Biobank, il gruppo di esperti ha quindi studiato la genetica dei pazienti per determinare la suscettibilità alla solitudine e ai chili di troppo. Ne è emerso che coloro che si considerano soli hanno mutazioni in comune a livello di 15 aree del proprio Dna. Le stesse aree genetiche sono simili a quelle rilevate fra le persone in sovrappeso, e sono collegate a una regione del cervello associata all’autocontrollo emotivo e all’innesco di abusi alimentari.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!