SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
22/06/2018, 10:12

malattie croniche, alimentazione, sano stile di vita



Malattie-croniche:-si-possono-evitare-con-attività-fisica-regolare-e-sano-stile-di-vita


 Sono importanti strumenti di benessere, prevenzione e terapia di molte patologie, oltre ad avere un alto valore sociale ed educativo, lo sport e l’attività fisica..



Sono importanti strumenti di benessere, prevenzione e terapia di molte patologie, oltre ad avere un alto valore sociale ed educativo, lo sport e l’attività fisica. Seguire uno stile di vita corretto è il modo migliore per preservare il nostro bene più prezioso, la salute. Oltre il 70% delle patologie cronico-degenerative (come infarto, diabete e ictus) potrebbe essere evitato grazie ad un corretto regime alimentare e ad un regolare esercizio fisico così come fare movimento tutti i giorni ha grandi benefici per chi soffre di stress, depressione e stati d’ansia. D’altro canto, però, studi scientifici mettono in evidenza come lo stile di vita della popolazione stia peggiorando: secondo recenti dati dell’Oms oltre 7 italiani su 10 (73,9%) sono obesi o sovrappeso, il 56,6% non svolge attività fisica e il 19,6% ha il vizio del fumo. Seguire salutari abitudini sportive, oltre che alimentari, aiuta non solo a ridurre il rischio di sviluppare molte patologie croniche, incluse quelle oncologiche, ma è importante anche per contrastare la progressione della malattia quando si è già manifestata. 
«La nostra salute dipende principalmente dagli stili di vita: moltissime delle patologie sono dovute a comportamenti errati. Scarsa attività motoria, alimentazione non corretta, fumo sono le principali cause di malattie croniche e degenerative che possono condurre anche a morti premature» spiega Alessandro Miani, presidente della Società italiana di medicina ambientale (Sima). «Viceversa, abitudini sane ed esercizio fisico allungano l’aspettativa di vita e incidono positivamente sulla qualità di vita di ognuno. Tanto che l’attività fisica e motoria dovrebbe essere consigliata dal medico così come vengono prescritte terapie farmacologiche o diete alimentari». 
Praticare sport e adottare salutari stili di vita comporta, inoltre, importanti ricadute in termini di risparmio di costi economici e sociali a carico del SSN. «Un report Oms del 2017 mostra come in Europa la sedentarietà costi dai 150 ai 300 euro/anno pro capite», sostiene Daniela Lucini, professore associato di Medicina interna e direttore della Scuola di specializzazione in Medicina dello sport e dell’esercizio fisico dell’Università di Milano. «Esercizio fisico e corretto stile di vita in genere soddisfano pienamente la definizione di sostenibilità: fare oggi azioni per preservare un bene prezioso come la salute, che altrimenti un domani potrebbe non essere più presente, garantendo anche un significativo risparmio economico e liberare quindi risorse da investire in terapie innovative».
L’attività sportiva non comporta solo benefici al benessere psicofisico della persona, ma ha anche importanti valenze di carattere educativo e formativo. Come una vera e propria palestra di vita: gli sport - in particolare quelli di squadra - aiutano i ragazzi a creare nuove amicizie e a condividere valori fondamentali, tenendoli lontani dalla droga, dalla delinquenza o da compagnie "sbagliate", favorendo l’integrazione di gruppi in aree a maggiore disagio sociale.
Lo sport, infine, come "amico" dell’ambiente. Dove si pratica attività fisica all’aria aperta - per esempio nei parchi cittadini o all’interno di aree protette - si sviluppa una coscienza ed educazione ambientale, una maggiore attenzione alla promozione e salvaguardia delle risorse del territorio, mettendo in atto atteggiamenti di tutela del paesaggio dall’inquinamento e dall’incuria.
«L’attività motoria, sia essa attività fisica, esercizio fisico o sport, è un portentoso farmaco naturale che previene e cura numerose patologie croniche, migliorando significativamente la salute e la qualità della vita dei cittadini», sottolinea Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia. La consapevolezza al riguardo continua a crescere, anche in ambito sportivo e sanitario, e l’argomento è sempre di più al centro dell’attenzione». 
Per ulteriori informazioni: Società italiana di medicina ambientale (Sima),


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!