SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
08/06/2018, 10:20

influenza, virus, aviaria



Influenza:-anche-i-cani-potrebbero-rappresentare-in-futuro-un-serbatoio-pandemia


 Non solo i polli e i maiali, ma anche i cani sarebbero un potenziale serbatoio per una futura pandemia influenzale..



Non solo i polli e i maiali, ma anche i cani sarebbero un potenzialeserbatoio per una futura pandemia influenzale. A sostenerlo è uno studiocino-americano, pubblicato sulla rivista mBio, secondo cui ilvirus dell’influenza può passare in molti casi dai maiali ai cani, specie nellaquale la malattia sta diventando sempre più diversificata.Secondo il direttore del Global Health and Emerging Pathogens Institutedel Center for Research on Influenza Pathogenesis della Icahn School ofMedicine at Mt. Sinai di New York, Adolfo García-Sastre, la maggior parte dellepandemie è stata associata ai maiali come ospiti intermedi tra virus e uomo. Inquesto studio è stato identificato un nuovo insieme di virus (H1N1, l’H3N2 el’H3N8) di origine aviaria che provengono dai suini e che sono passati ai cani.Virus che stanno iniziando a interagire tra di loro, ricordando molto quelloche è successo nei suini 10 anni prima della pandemia da H1N1.Gli studi futuri si concentreranno sull’ulteriore caratterizzazione deivirus (in particolare l’H1N1 che è differente da quelli visti finora neglianimali e nell’uomo), utilizzando sieri umani per verificare se l’uomo sia omeno immune contro questo virus. 
Se troveremo immunità contro questivirus, rappresenteranno un rischio minore. Ma bisogna comunque considerare che ilcane è un altro ospite, molto vicino all’uomo, in cui il virus dell’influenzasta iniziando ad avere caratteristiche genotipiche e fenotipiche diverse.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!