SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
01/06/2018, 11:01

integratori, multivitaminici, acido folico



Notizia-shock,-integratori-più-gettonati-di-vitamine-e-minerali-privi-di-effetti-benefici-


 Doccia fredda sugli integratori di vitamine e minerali più gettonati del momento..



Doccia fredda sugli integratori di vitamine e minerali più gettonati del momento. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, i prodotti più comunemente usati non forniscono "benefici consistenti" per la salute, in quanto non hanno dimostrato vantaggi o rischi aggiuntivi per la prevenzione di malattie cardiovascolari, infarto, ictus o morte prematura. Sono questi i risultati ottenuti dai ricercatori del St. Michael’s Hospital e dell’Università di Toronto. 
«Siamo rimasti sorpresi di scoprire così pochi effetti positivi negli integratori più usati dalla gente» spiega David Jenkins, direttore del Clinical Nutrition and Risk Factor Centre del St. Michael’s Hospital. «La nostra ampia revisione ha rivelato che multivitaminici, vitamina D, calcio o vitamina C non hanno effetti negativi, ma neppure apparenti vantaggi».
Lo studio ha dimostrato però che l’acido folico da solo e le vitamine del gruppo B con acido folico possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e ictus. Mentre niacina e antiossidanti mostrano un effetto molto piccolo, che potrebbe indicare un maggior rischio di morte per qualsiasi causa.
Risultati, aggiunge l’esperto, che suggeriscono come le persone debbano essere consapevoli degli integratori che stanno prendendo, assicurandosi che si tratti di sostanze mirate a colmare carenze specifiche di vitamine o minerali segnalate dal proprio medico.
«In assenza di dati positivi significativi, a parte la potenziale riduzione del rischio di ictus e malattie cardiache con l’acido folico, è più benefico basarsi su una dieta sana per fare il pieno di vitamine e minerali», suggerisce ancora l’esperto. «Nessuna ricerca sugli integratori ha finora mostrato qualcosa di meglio rispetto a dosi salutari di alimenti vegetali poco processati, incluse verdure, frutta e noci».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!