SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
24/04/2015, 14:09

prunus, tumori, cancro, propriet antitumorali, pianta,



Prunus-spinosa,-pianta-storica-del-Molise-dalle-proprietà-antitumorali


 Scoperte le proprietà antitumorali di una pianta tradizionale che cresce in questa regione, il Prunus spinosa trigno, un arbusto spinoso che unito a una miscela di...



Buone notizie dal Molise: scoperte le proprietà antitumorali di una pianta tradizionale che cresce in questa regione, il Prunus spinosa trigno, un arbusto spinoso che unito a una miscela di aminoacidi può distruggere in vitro circa l’80% delle cellule cancerogene.
«Il Prunus - spiega Stefania Meschini, ricercatrice dell’Istituto superiore di sanità (Iss) e coordinatrice di uno studio in corso di pubblicazione su riviste scientifiche - è ricco di antiossidanti e può contrastare le capacità di proliferazione delle cellule tumorali. Nella sperimentazione in laboratorio, abbiamo trattato con l’estratto della pianta cellule cancerose di pazienti affetti da cancro a colon, polmone e cervice uterina. Abbiamo quindi osservato che, da solo, l’estratto non aveva effetti, ma addizionato ad un particolare complesso a base di aminoacidi, minerali e vitamine (denominato Can) è stato in grado di ridurre la sopravvivenza delle cellule tumorali distruggendone il 70- 78% nell’arco delle 24 ore».
Sulla base dei risultati positivi ottenuti in vitro e in seguito ai test che hanno confermato la non tossicità del composto, l’Iss insieme all’azienda produttrice hanno brevettato la miscela, che sarà disponibile dal prossimo mese di giugno - solo su prescrizione medica - come integratore da utilizzare come terapia di supporto alla chemioterapia.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!