{
 

SALUTE CHE FARE  

Testata Giornalistica on-line
Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
area-riservata-farmacie-salute-che-fare
salute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicinosalute-che-fare-consigli-per-tutta-la-famiglia.jpegsalute-che-fare-it-servizi-medici-farmaciesalute-che-fare-servizi-farmaciasalute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicino

"SALUTE CHE FARE"

 

La Testata Giornalistica al servizio della tua salute

MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

DERMATOLOGIA

 

ACNE

{

 

MALATTIE DEI CAPELLI

 
Alopecia areata
​​
 
 

 

MALATTIE DELLA PELLE

L’alopecia areata è una malattia caratterizzata dall’improvvisa caduta dei capelli, o di altri peli del corpo, in aree del cuoio capelluto e della cute tipicamente localizzate. 

 
L’alopecia areata si può distinguere nelle seguenti forme in base all’estensione: 
 
  • alopecia areata a chiazze, singole o multiple, caratterizzata dalla presenza di alcune zone rotondeggianti prive di capelli o peli
  • alopecia areata totale, che coinvolge tutto il cuoio capelluto
  • alopecia areata universale, che interessa anche tutti i peli del corpo.

 

Le chiazze possono interessare qualsiasi area del corpo, ma sono più frequentemente localizzate a livello del cuoio capelluto e della barba. 
Ai margini delle chiazze nelle fasi di attività sono caratteristici i peli a punto esclamativo, che cadono in circa 1-2 settimane ed indicano che la malattia è in fase di progressione. A volte l’alopecia areata inizia con una perdita diffusa di capelli senza la tipica localizzazione a chiazze (alopecia areata incognita).
La perdita di capelli e peli si verifica in pochi giorni o può protrarsi nel tempo, alternando periodi di ricrescita e caduta dei capelli. I follicoli rimangono vitali e a volte la ricrescita può avvenire senza alcun trattamento. Nel primo anno di malattia si registra un'elevata percentuale di guarigione (34-50%), con il rischio tuttavia di recidive che sono più gravi dell’episodio iniziale.
Le cause sono ancora sconosciute e si ritiene che vi sia un’alterazione del sistema immunitario: come se l'organismo non riconoscesse più l'apparato pilifero, producendo anticorpi contro i follicoli la cui attività viene di fatto bloccata.
 
Diverse sono le opzioni terapeutiche in caso di alopecia areata:
 
  • steroidi sistemici (metilprednisolone, prednisolone e desametasone) sono efficaci nell’alopecia a chiazze in fase acuta nel 60% dei casi
  • steroidi da somministrare per via iniettiva, quali per esempio triamcinolone acetonide, sono utili nell’alopecia a chiazze minore del 40% e nell’alopecia areata delle sopracciglia. Non sono indicati nei bambini sotto i 10 anni. I risultati che si ottengono sono buoni (90% di ricrescita nell’alopecia a chiazze), nonostante le recidive siano frequenti
  • steroidi topici, quali clobetasolo propionato, sono efficaci nell’alopecia a chiazze, così come nell’alopecia totale e nell’alopecia universale
  • immunoterapia topica con sostanze come dibutilestere dell'acido squarico e difenilciclopropenone, che provocano una dermatite allergica da contatto a livello del cuoio capelluto. L’uso di queste sostanze sensibilizzanti fa sì che le difese immunitarie del corpo, responsabili della caduta dei capelli, vengano dirette verso queste sostanze e non attacchino più le cellule delle radici dei capelli permettendo loro di ricrescere.
  • antralina (ditranolo), generalmente utilizzata per l’alopecia areata in età pediatrica, in quanto efficace e privo di effetti collaterali importanti
  • la fototerapia può essere utile nel trattamento dell’alopecia totale e dell’alopecia universale. 
  •  
La presenza di capelli può essere un limite alla penetrazione dei raggi UV, quindi la fototerapia non è molto efficace nell’alopecia a chiazze e nel mantenimento della ricrescita. Non è, inoltre, indicata nei bambini. La percentuale di recidive dopo il trattamento è elevata e il numero di sedute necessarie per mantenere i risultati ottenuti è controproducente.
 
 
Pubblicato il 12/02/2015
 

DERMATOLOGIA E CONSIGLI UTILI

INFEZIONI

Create a website