SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

DERMATOLOGIA

 

ACNE

{

 

MALATTIE DEI CAPELLI

 
L'acne: cause e trattamenti
 
 

 

MALATTIE DELLA PELLE

L’acne è una malattia della pelle che interessa il follicolo pilifero e le ghiandole sebacee in grado di produrre il sebo, ovvero il grasso che protegge e lubrifica la pelle. Tali ghiandole possono secernere una quantità di sebo superiore al normale, facendo aumentare il grasso cutaneo (pelle grassa).

Sullo stesso viso possono comparire contemporaneamente comedoni (generalmente chiamati punti neri), papule (piccolo rilievo della pelle, solido e generalmente di forma conica, di colorito rossastro, non contenente pus) e pustole (elementi purulenti, comunemente chiamati brufoli). 
L’acne affligge una quota di popolazione molto ampia, soprattutto tra i giovani. Le cause vere e proprie non sono ancora del tutto chiare, ma è certo che le ghiandole sebacee sono sensibili all’azione del testosterone e di tutti gli ormoni androgeni. Questi ormoni sono caratteristici del genere maschile, ma sono prodotti anche dalle donne e compaiono durante lo sviluppo sessuale (adolescenza), che spiega il motivo per cui i bambini non ne soffrono. Ma è sbagliato considerare l’acne una malattia ormonale, di conseguenza è sbagliato curarla con terapie ormonali, tranne in alcuni casi.
Di solito l’acne colpisce i giovani tra i 14 e i 19 anni, ma può anche presentarsi o permanere fino ai 30-40 anni (acne tardiva). I soggetti acneici di solito presentano comedoni, pustole e papule su volto, spalle e petto. 
La gravità, profondità e durata delle lesioni cutanee condiziona l'insorgenza o meno di esiti cicatriziali (cicatrici). Per questo è così importante affrontare precocemente e con le modalità adeguate l'acne.
A differenza di quanto si pensava, l'acne è curabile. Ovviamente, esistendone differenti varianti, la terapia cambia a seconda del quadro clinico da trattare.
Ci sono trattamenti ambulatoriali che permettono la scomparsa rapida di brufoli e dei comedoni, come il peeling chimico con acido salicilico e tricloroacetico. In questo caso il miglioramento rapido non comporta una cura definitiva per l’acne, ma è essenziale affinché le terapie antiacne domiciliari siano più efficaci. Il trattamento può determinare anche un miglioramento delle macchie dell’acne e delle cicatrici post-acneiche.
 
 
Pubblicato il 12/01/2015
A cura di Roberta Testa
Biologa
 
 

DERMATOLOGIA E CONSIGLI UTILI

INFEZIONI

Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!