{
 

SALUTE CHE FARE  

Testata Giornalistica on-line
Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
area-riservata-farmacie-salute-che-fare
salute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicinosalute-che-fare-consigli-per-tutta-la-famiglia.jpegsalute-che-fare-it-servizi-medici-farmaciesalute-che-fare-servizi-farmaciasalute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicino

"SALUTE CHE FARE"

 

La Testata Giornalistica al servizio della tua salute

MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
banner-adnkronos-salute-
news-salute-che-fare
11/05/2018, 12:49

nuovo farmaco calvizia, trattamento calvizia maschile, trattamento alopecia androgenetica, WAY316606,



Calvizie,-nuovo-medicinale-contro-l’osteoporosi-testato-per-la-ricrescita-dei-capelli-


 Si rinnovano le speranze nella lotta alla calvizie grazie ad un farmaco, originariamente concepito per il trattamento dell’osteoporosi, che ha dimostrato di stimolare i follicoli piliferi del cuoio...



Si rinnovano le speranze nellalotta alla calvizie grazie ad un farmaco, originariamente concepito per iltrattamento dell’osteoporosi, che ha dimostrato di stimolare i follicolipiliferi del cuoio capelluto di pazienti sottoposti a trapianto di capelli,successivamente testati in coltura d’organo. A rivelarlo sono i ricercatori delCentro per la ricerca dermatologica dell’Università di Manchester che hannopubblicato la scoperta su Plos Biology.Attualmente sono disponibili solodue farmaci per il trattamento della calvizie maschile (alopeciaandrogenetica), minoxidil e finasteride, entrambi gravati da effetticollaterali e con risultati non sempre confortanti in termini di ricrescita capillifera.L’unica alternativa disponibile è la chirurgia. Il progetto di studio guidatoda Nathan Hawkshaw e colleghi aveva l’obiettivo di sviluppare nuove metodicheper promuovere la crescita dei capelli umani, approfondendo i meccanismimolecolari di un vecchio farmaco immunosoppressore come la ciclosporina A,comunemente usato da 40 anni come terapia antirigetto nei trapianti d’organo enelle malattie autoimmuni. Così i medici si sono accorti che uno degli effetticollaterali del medicinale, il meno grave ma il più interessante, era diaumentare la crescita dei peli.Sperimentando in laboratorio ilteam britannico ha scoperto che un composto originariamente sviluppato per iltrattamento dell’osteoporosi, WAY-316606, presenta lo stesso meccanismo d’azionedella ciclosporina A senza tuttavia gli stessi effetti collaterali. Secondo gli scienziati il fatto chequesto nuovo agente, mai considerato prima d’ora in questo contesto, promuovala crescita dei capelli umani potrebbe un giorno fare la vera differenza per lepersone che soffrono di perdita di capelli.  


1

LE NEWS PER CANALE

LE TOP NEWS

ARCHIVIO

TAG CLOUD

Per richieste di collaborazione invio articoli, suggerimenti e lamentele scrivi a: redazione@salutechefare.it
Create a website