{
area-riservata-farmacie-salute-che-fare
Mediasalus-www.salutechefare.it
 

SALUTE CHE FARE  

Testata Giornalistica on-line
Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
salute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicinosalute-che-fare-consigli-per-tutta-la-famiglia.jpegsalute-che-fare-it-servizi-medici-farmaciesalute-che-fare-servizi-farmaciasalute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicino

"SALUTE CHE FARE"

 

La Testata Giornalistica al servizio della tua salute

MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
La classificazione delle cefalee











L'esigenza di definire più rigorosamente anche dal punto di vista diagnostico un problema di così grande impatto sociale, ha ispirato i membri dell'Ad Hoc Committee dell'International Headache Society (IHS), a stilare una classificazione delle cefalee
Nel 2004 è stata pubblicata la prima edizione della classificazione delle cefalee dell’IHS, che è stata denominata con il termine International Classification of Headache Disorders indicata con la sigla ICHD-II. La classificazione è strutturata gerarchicamente secondo un codice numerico a quattro livelli, che permette di fare diagnosi via via più' sofisticate: il primo e secondo livello sono di solito sufficienti nella pratica clinica, mentre il terzo e quarto livello sono "riservati" allo specialista o a fini di ricerca. 
La classificazione ICHD-II comprende 14 differenti gruppi: i primi 4 riguardano le cefalee primarie, ossia quelle cefalee per le quali non è identificabile una causa organica; i gruppi dal 5° al 12° comprendono i diversi tipi di cefalea secondaria, ossia conseguenti ad una causa specifica che, se rimossa, porterebbe a cessazione del dolore; mentre gli ultimi due fanno riferimento a nevralgie craniche, dolori facciali primari e/o di origine centrale e ad altre tipologie di cefalee. 
A distanza di 10 anni dalla precedente edizione i membri dell’Ad Hoc Commitee della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC) hanno sentito l’esigenza di aggiornare il documento delle Linee Guida diagnostico-terapeutiche delle cefalee primarie. Rispetto alla precedente edizione sono state prese in considerazione anche condizioni particolari quali gravidanza e allattamento, anziani, gestione delle forme primarie di cefalea al Pronto Soccorso. Inoltre l’aggiornamento ha riguardato anche la terapia non farmacologica, che negli ultimi anni si è arricchita di nuove tecniche che offrono promettenti opzioni riservate a forme di emicrania particolarmente refrattarie al trattamento farmacologico.



Pubblicato il 12/01/2015
A cura della Dr.ssa Sheila Leone
Farmacologa


Alimentazione-Salute-che-Fare-
salute-che-fare-cefalee-mal-di-testa-emicrania-dolore-cefalea-salute-che-fare-cefalee-mal-di-testa-dolore-cranio-emicrania-classificazionesalute-che-fare-cefalee-dolore-emicrania-mal-di-testa
Create a website